Per la prima volta gli infermieri legali sono stati ammessi al prestigioso master post-Universitario in “Management e Responsabilità delle Strutture e delle Professioni Sanitarie. Legislazione e Giurisprudenza”  organizzato da A.Gi.Sa. (associazione Giustizia e sanità)

Proprio in queste ore si stanno concludendo le prime due giornate di questo importante Master ad alta specializzazione che andrà a completare la formazione per gli infermieri legali segretari AADI e con l’inclusione della Legge Gelli.

Siamo riusciti a raccogliere le dichiarazioni degli infermieri dell’Aadi, associazione di Diritto infermieristico, presieduta dal dott. Di Fresco.

Grazie alla volontà dell’Aadi, il master è stato aperto anche agli infermieri. Una partecipazione importante che completa la formazione per l’infermieristica forense.

La sede del master è l’aula “Vittorio Occorsio” presso il Tribunale di Roma, famosa perchè è il luogo in cui si sono tenuti molti dei processi di mafia di Roma.

Gli infermieri dell’AADI, capitanato dal presidente Mauro Di Fresco, si è contraddistinto in alcuni momenti della giornata in difesa della professione infermieristica.

“Abbiamo assistito – Lauretta Anelli Segr. Reg. AADI Lombardia e Milano MB – ad una lezione magistrale in cui è stata citata l’associazione AADI, una lezione del presidente Nazionale medici legali Prof. Macrì, un’analisi della Legge Gelli con molti punti oscuri, dimostrata da un magistrato della Cassazione Penale.

È stato per tutti noi una grande privilegio! Segno che questa associazione vuole veramente difendere l’infermiere ed ostetriche , ora più che mai un operatore sanitario che deve rispondere civilmente e penalmente del suo operato in caso di danno al paziente”.

Redazione NurseTimes