Un fatto tanto increscioso quanto incredibile si è verificato presso il Pronto Soccorso di Chivasso.

Una donna avrebbe portato il padre in ospedale, riferendo in Triage come fosse estremamente bisognoso di cure urgenti. Dopo essere stato accettato però, l’anziano sarebbe stato abbandonato in corridoio su una carrozzina.

Il racconto è apparso in un articolo de La Nuova Periferia, giornale locale della zona.

“Stando al racconto di alcuni testimoni, dopo aver sistemato la carrozzina accanto alle sedie della sala d’attesa la donna avrebbe detto al padre: «Aspettami un attimo, vado a spostare la macchina e torno».Da quel momento, nessuno l’ha più vista”.

Trascorrono oltre cinque ore. “Dopo una serie di verifiche – si legge ancora nell’articolo – dall’Asl è partita una telefonata al cellulare della donna, che rispondendo ha ammesso di essere già in Liguria, nei dintorni di Savona, per trascorrere qualche giorno al mare”.

Su quanto accaduto dopo vige ancora il massimo riserbo, anche se per la Procura non vi sarebbero gli estremi per una denuncia per «abbandono di incapace», avendolo lasciato in un “posto sicuro” come un pronto soccorso e non in mezzo a una strada. È molto probabile che sia partita una segnalazione ai servizi sociali.

L’anziano, che godeva di buone condizioni generali di salute e non aveva alcun bisogno delle cure del Pronto Soccorso, è stato affidato alle cure apparentemente più amorevoli di un altro famigliare.

Simone Gussoni