“Agli infermieri del 118 va riconosciuta l’indennità di rischio!”

Continuano le aggressioni a infermieri e medici dei pronto soccorso e del 118. E ciò accade nonostante le promesse da parte del ministro della Salute Grillo, che ha recentemente dichiarato che ci saranno assai presto più forze di polizia negli ospedali e pene più severe per chi aggredisce il personale sanitario (VEDI).

È evidente che ci vorrà ancora del tempo prima che i nostri nosocomi siano davvero sicuri per chi ci lavora (sempre che lo saranno mai), ma… Intanto che fare? Possibile che essere infermiere, medico o soccorritore in determinati contesti sia così rischioso? E soprattutto… Possibile che ciò non sia affatto riconosciuto in busta paga? Eh già, perché non lo è.

In Puglia, però, grazie a una mozione, le cose potrebbero cambiare. Lo ha spiegato il vicepresidente della Commissione Sanità e consigliere regionale di Direzione Italia/Noi con l’Italia, Luigi Manca, in una nota: “Operatori sanitari insostituibili: sono gli infermieri del 118, in prima linea nell’assistenza, praticamente in trincea dove ogni intervento potrebbe nascondere insidie peggiori per la propria incolumità fisica.

L’ultimo episodio di aggressione arriva proprio da Lecce dove un’infermiera è stata aggredita al volto e alla gamba in autoambulanza da un’ubriaca. Ormai quella delle aggressioni in autoambulanza sta diventando una

vera e propria emergenza in Puglia.

La solidarietà alla vittima dell’aggressione da parte mia personale, come medico, e a nome di tutto il gruppo regionale di Direzione Italia/Noi con l’Italia è sincera, ma non basta. Come politici abbiamo il dovere di rendere non solo più sicuri i posti di primo intervento, ma anche proporre una mobilitazione perché agli infermieri del 118, del Pronto soccorso, Psichiatria e Sert venga riconosciuta l’indennità di rischio, che il contratto collettivo di lavoro riconosce solo per quegli infermieri che sono a contatto con malattie infettive.

Presenterò, quindi, una mozione che impegni la giunta regionale, in modo particolare il presidente Emiliano nella sua qualità di assessore alla Sanità, ad attivarsi con i ministeri competenti perché sia ampliato l’art. 44 del CCNL a una fascia di operatori sanitari sempre più a rischio”.

Alessio Biondino

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Chiuso il caso dell’ex assessore Venturi sulle ambulanze di soli infermieri

Conciliazione tra le parti e transazione. Si chiude così il conflitto tra l'Ordine dei medici…

2 ore ago

L’impatto sulla salute degli infermieri dei turni di 12 ore

Un recente studio è stato condotto per analizzare l'impatto che ha sulla salute mentale degli…

3 ore ago

A chi spetta l’obbligo di iscrizione all’albo infermieri

L’obbligo di iscrizione all’albo infermieri è a carico del datore di lavoro, presso le cui strutture il…

4 ore ago

L’ordine degli infermieri di Napoli diffida l’università Vanvitelli

L’Ordine delle professioni infermieristiche di Napoli ha diffidato formalmente l’Università degli Studi della Campania “Luigi…

4 ore ago

Infermiera vince la causa dopo essersi rifiutata di vaccinarsi contro l’influenza

Si torna a parlare dell'infermiera siciliana si è rifiutata di vaccinarsi contro l’influenza, come stabilito…

5 ore ago