Al via i test di Cira-3, il robot infermiere per curare i malati di Covid-19

La grave carenza di personale infermieristico potrebbe giungere al termine grazie all’impiego della tecnologia. La sperimentazione del robot-infermiere denominato Cira 3 potrebbe alleviare le immani pressioni che le strutture sanitarie di ogni parte del mondo stanno subendo a causa della pandemia da Covid-19.

Con l’aumentano del numero dei malati e la costante diminuzione di posti letto, attrezzature e personale a disposizione un aiuto prezioso potrebbe giungere dalle macchine high-tech.

Si potrebbe correre il rischio di soppiantare risorse umane con macchinari che svolgono le stesse mansioni di una persona? Per scoprirlo, vediamo cosa sia veramente Cira 3, attraverso l’articolo di Silvia Zingale.

Il robot dalle caratteristiche umane

Mentre la Cina saluta il virus da lontano e l’Italia pensa al Lockdown selettivo per etàl’Egitto “costruisce infermieri”. L’invenzione che dovrebbe essere miracolosa si deve all’ingegnere egiziano Mohamed El-Komy. Il progetto è nato perché un ospedale privato in Egitto voleva aiutare gli operatori sanitari a sopportare meglio lo stress della seconda ondata di Covid-19. Cira 3 sarebbe in grado di effettuare tamponi, esami del sangue, ecocardiogrammi, radiografie, misurazioni della temperatura corporea. Inoltre, non solo potrebbe curare il Coronavirus, ma si comporterebbe come un operatore sanitario. 

Come se non bastasse il robot presenterebbe caratteristiche umane per far sentire i pazienti più a loro agio. Se dei robot come Cira 3 entrassero in circolazione negli ospedali e adempissero esattamente questi compiti, sarebbero sicuramente una duplice mano santa. Infatti, oltre a ridurre il rischio di collasso delle strutture sanitarie, ridurrebbe anche il rischio di contagio, in quanto diminuirebbero i contatti tra persone. Ma gli interrogativi su possibili effetti contrari sono ancora molti.

Ma cosa succederebbe se venisse negato il contatto umano ai malati?

ZI pazienti affetti da Covid-19 che necessitano di ospedalizzazione, o peggio, terapia intensiva, sono già privati dei loro affetti. L’unica cosa su cui possono contare è la cura medica ed il supporto psicologico. Cira 3 potrebbe garantire anche quello? A questo quesito non si può ancora rispondere in quanto non è stato ancora rilevato l’impatto del robot inventato dal giovane ingegnerecon gli esseri umani. Sicuramente ci sarà ancora molto da interrogarsi sul progresso della scienza e sui suoi possibili 

Dott. Simone Gussoni

Dott. Simone Gussoni

Il dott. Simone Gussoni è infermiere esperto in farmacovigilanza ed educazione sanitaria dal 2006. Autore del libro "Il Nursing Narrativo, nuovo approccio al paziente oncologico. Una testimonianza".

Leave a Comment
Share
Published by
Dott. Simone Gussoni

Recent Posts

Puglia, concorso infermieri: ”Varie forme di pensiero dettate dai propri interessi personali.”

"Egregi Presidenti, Egregio Assessore alla Sanità - Regione Puglia, Egregi lettori e colleghi. Scrivo a…

3 ore ago

Straordinaria vittoria dell’AADI: a Bergamo ora si pagano gli straordinari

Un’infermiera bergamasca ha chiesto alla sede centrale dell’Associazione Avvocatura Degli Infermieri se fosse giusto che…

18 ore ago

Fascicolo sanitario elettronico: nessuna scadenza per l’inserimento dei dati

In relazione alle notizie diffuse nei giorni scorsi, riguardo ad una presunta scadenza dell’11 gennaio…

18 ore ago

Fials: Oltre l’82% delle denunce Inail di contagio dei sanitari vengono da infermieri.

Ospedali inadeguati, subito messa in sicurezza Roma, 22 gen. – “Oltre l'82% delle denunce di…

19 ore ago

Il Fondo di solidarietà #NoiConGliInfermieri: cosa c’è da sapere

La Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche è stata costretta a sospendere, per una…

21 ore ago