Alessandria, dito reciso alla neonata: per il medico legale è “colpa di infermiera e OSS”

Per la perizia del medico legale incaricato dal pubblico ministero di Alessandria, non ci sono dubbi: “imperizia, imprudenza e negligenza” per l’infermiera e l’operatrice socio…

Per la perizia del medico legale incaricato dal pubblico ministero di Alessandria, non ci sono dubbi: “imperizia, imprudenza e negligenza” per l’infermiera e l’operatrice socio sanitaria coinvolte.

Era sabato 28 maggio 2016 quando una operatrice socio sanitaria, nel reparto di Neonatologia dell’Ospedale Civile di Alessandria, commise un errore di distrazione imperdonabile: mentre era intenta a tagliare una garza ‘incerottata’ con cui l’ago butterfly di una flebo era fissato alla manina di una neonata, ha accidentalmente tagliato una falange e mezzo del dito indice alla piccola (VEDI articolo).

Trasportata d’urgenza all’Ospedale Regina Margherita di Torino, i chirurghi cercarono di riattaccare la parte recisa con un intervento di microchirurgia, ma l’intervento non ebbe successo.

A distanza di quasi 8 mesi, la perizia del medico legale Y ao chen, incaricato dal pubblico ministero di Alessandria di accertare “le cause delle lesioni” alla povera bambina, lascia ben pochi dubbi: nella “condotta assistenziale” delle due indagate, l’OSS Anna Maria Felisati e l’Infermiera Loretta Scotti, “Si ravvisano imperizia, imprudenza e negligenza”.

E più di preciso, riferendosi all’azione che ha causato l’amputazione traumatica: “…una prestazione sanitaria imperita, imprudente e negligente svolta dalla operatrice socio sanitaria, che ha eseguito il taglio, e dall’infermiera, che non ha adeguatamente pianificato la procedura di rimozione della fasciatura”.

Secondo la ricostruzione dei fatti, l’infermiera aveva la piccina in braccio mentre l’OSS, armata di ‘forbicioni’, cercò di tagliare le bende. Ma in un attimo, insieme ad esse, anche il ditino cadde a terra.

La bimba, di nome Stella, non è mai stata in pericolo di vita. Però la dottoressa Yao Chen ha specificato che, purtroppo, “è presente una menomazione anatomica al secondo dito della mano destra tale da far presumere un indebolimento permanente”.

La palla passa ora al pm Gasparini: bisognerà infatti attendere le sue valutazioni e le successive richieste che deciderà di avanzare rispetto ad un’imputazione di lesioni colpose.

Alessio Biondino

Fonte: Il Secolo XIX

Immagini: Pixabay

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Nursind, fuori luogo chi considera l’indennità infermieristica un’offesa ad altre professioni

Lo afferma, in una nota, il segretario nazionale del Nursind infermieri Andrea Bottega.  "Mi limito…

6 ore ago

Fnopi, Indennità di specificità infermieristica: un riconoscimento meritato, ancora da rafforzare

L’indennità infermieristica prevista nella legge di bilancio 2021 non è “un’offesa verso le altre professioni”…

7 ore ago

ASP Enna: avviso pubblico urgente per infermieri da destinare all’emergenza Covid

Avviso pubblico con Procedura Straordinaria ed Urgente per la formulazione di una graduatoria per il…

7 ore ago

Azienda USL Toscana Nord Ovest: concorso per 3 infermieri dirigenti

Concorso pubblico unificato, per titoli ed esami, per la copertura di tre posti di dirigente…

7 ore ago

FVG: concorso pubblico per 4 posti di ostetrica/o. Al via le domande

Azienda regionale di coordinamento per la salute - Arcs - Udine Bando di concorso pubblico,…

7 ore ago