Arresto cardiaco notturno: donne più a rischio degli uomini?

Lo suggerisce uno studio condotto dai ricercatori del Cedars-Sinai Smidt Heart Institute di Los Angeles.

Uno studio condotto da un team del Cedars-Sinai Smidt Heart Institute di Los Angeles e pubblicato sulla rivista specializzata Heart Rhythm suggerisce che le donne avrebbero maggiori probabilità rispetto agli uomini di essere colpite da arresto cardiaco di notte. Stando ai risultati, inoltre, tra le 22 e le 6 del mattino si verificherebbe una percentuale compresa tra il 17% e il 41% dei 350mila arresti cardiaci improvvisi stimati ogni anno negli Stati Uniti.

I ricercatori hanno analizzato le registrazioni di oltre 3.200 casi diurni di arresto cardiaco improvviso e 918 casi notturni. E’ emerso che poco più del 25% dei casi che coinvolgono donne si è verificato di notte, rispetto a quasi il 21% dei casi che coinvolgono uomini. “Ci ha sorpreso scoprire che essere donna è un predittore indipendente di questi eventi”

, ha dichiarato il dottor Sumeet Chugh, autore senior dello studio.

Sebbene siano necessari ulteriori studi per confermare quanto emerso dall’analisi, potrebbe esserci una componente respiratoria che causa questo aumento del rischio per le donne. “La prevalenza della malattia polmonare era significativamente più alta in coloro che avevano avuto un arresto cardiaco durante la notte rispetto a coloro che avevano avuto un arresto cardiaco durante il giorno”, precisano gli autori.

Inoltre è emerso che i pazienti colpiti da arresto cardiaco di notte avevano maggiori probabilità di essere stati fumatori o di esserlo nel momento della raccolta dei dati. “È stato anche scoperto che i farmaci che agiscono sul cervello, inclusi sedativi e antidolorifici, hanno un utilizzo significativamente maggiore durante la notte rispetto all’arresto cardiaco diurno”, ha aggiunto Chugh.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

L’infermiera Paola Obbia unica finalista sanitaria al Professional Achievement Award degli Study UK Alumni Awards 2021

Paola Obbia, infermiera, docente in infermieristica in Piemonte e presidente dell’Associazione Infermieri di Famiglia e…

22 minuti ago

Nas, controlli nei bar degli ospedali: 132 irregolari su 382

Cibi amuffiti, nessuna sanificazione, irregolarità sulla sicurezza. Lo hanno rilevato i controlli del comando carabinieri…

2 ore ago

La gravità dei sintomi del Covid può dipendere dal DNA

Esisterebbe un legame genetico che potrebbe spiegare una persona su dieci sviluppa la cosiddetta tempesta…

2 ore ago

Piano di attivazione dell’Ospedale Covid nella Fiera del Levante di Bari

L'Ospedale Covid nella Fiera del Levante di Bari, quale perno fondamentale del piano pandemico permanente…

3 ore ago

Sport invernali, il ginocchio degli sciatori continua a fare crack

Dagli esperti i 10 consigli per prevenire e curare gli infortuni in pista Evitare il…

4 ore ago

Carenza medici, tre anni senza programmazione: via libera all’immatricolazione dei ricorrenti

Le porte dei corsi di laurea in Medicina tornano ad aprirsi! Tar e Consiglio di…

4 ore ago