Proroga delle graduatorie dei concorsi pubblici fino al 30 settembre 2020: è quanto previsto dall’emendamento al Dl 101 del 3 settembre 2019 presentato alla Camera il 30 ottobre u.s.

L’emendamento, articolo 6 bis, modifica l’art 1 della legge 30 dicembre 2018, n.145, apportando le seguenti modifiche:

  • Saranno valide anche le graduatorie del 2015 che sarebbero scadute il 31 marzo del 2020
  • la validità delle graduatorie approvate nel 2017 sarà estesa fino al 31 marzo 2021, mentre quella delle graduatorie approvate nel 2018 sarà estesa fino al 31 dicembre 2021
  • Nessuna speranza di assunzione per le graduatorie del triennio 2010-2011.

Vi presentiamo la trascrizione della seduta parlamentare:

ORDINI DEL GIORNO S. 1476 – Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 3 settembre 2019, n. 101, recante disposizioni urgenti per la tutela del lavoro e per la risoluzione di crisi aziendali (Approvato dal Senato).

N. 1. Seduta del 30 ottobre 2019

La Camera, premesso che:

l’articolo 6-bis, introdotto al Senato in sede di conversione del decreto-legge, modificando l’articolo 1, comma 352, della legge 30 dicembre 2018, n. 145 (legge di bilancio 2019), prevede una revisione della disciplina transitoria in materia di validità delle graduatorie delle procedure concorsuali per il reclutamento del personale nelle pubbliche amministrazioni; la norma, oltre a confermare le norme transitorie vigenti, con riferimento ai termini di validità delle graduatorie approvate, rispettivamente, nel 2016, nel 2017 e nel 2018, consente anche lo scorrimento delle graduatorie fino al 30 settembre 2020 per quelle approvate tra il 1° gennaio 2012 e il 31 dicembre 2015, fino al 31 marzo 2020 per quelle approvate nel 2011, previa frequenza obbligatoria di corsi di formazione e aggiornamento organizzati da ciascuna amministrazione e previo superamento di un apposito esame-colloquio, diretto a verificarne la perdurante idoneità;

nulla è stato previsto, invece, con riguardo allo scorrimento delle graduatorie del 2010, impegna il Governo a valutare l’opportunità di non escludere lo scorrimento delle graduatorie anche del 2010, prevedendo nel prossimo provvedimento utile un intervento normativo in tal senso”.

Il provvedimento resterà ancora una settimana in Senato al vaglio della commissione lavoro.

Redazione Nurse Times

Fonte: www.camera.it