Categorie: NormativeSentenze

Basta un solo episodio di assenteismo per far scattare il licenziamento per giusta causa

  La Corte di Cassazione ha stabilito che basti un singolo episodio di timbratura del cartellino altrui effettuata da un collega presente al lavoro per far…

 

La Corte di Cassazione ha stabilito che basti un singolo episodio di timbratura del cartellino altrui effettuata da un collega presente al lavoro per far scattare il licenziamento da parte del datore di lavoro nei confronti del dipendente assenteista. La sanzione infatti sarebbe proporzionata alla gravità del comportamento.

Secondo la Suprema Corte il passaggio del badge altrui rappresenta un comportamento estremamente grave che mina la credibilità del dipendente e costituisce un cattivo esempio per tutti i lavoratori.

Dunque il licenziamento immediato, senza alcun preavviso, risulta una sanzione adeguata nei confronti del dipendente che si faccia strisciare il badge da un collega per risultare in servizio.

Il dipendente che ceda a terzi la tessera marcatempo, strettamente personale, commette una grave violazione del codice civile e soprattutto è di cattivo esempio per tutti i colleghi. La sua azione si ripercuote dunque su tutto il contesto lavorativo. Pertanto tale gesto assume una gravità che molti dipendenti potrebbero sottovalutare poiché la timbratura non rappresenta semplicemente una formalità per la rilevazione della presenza.

Analizzando la recentissima sentenza n. 10842/2016 emanata dalla Corte di Cassazione è possibile osservare come sia sufficiente una sola strisciata effettuata da altro lavoratore per determinare il provvedimento disciplinare del licenziamento. I fatti in questione vedono un dipendente richiedere la timbratura ad un collega a causa di un incidente stradale che gli avrebbe causato un ritardo sull’orario di entrata in servizio.
Il sinistro stradale non è una valida scusa per richiedere a terzi la timbratura. Non è stato chiarito ancora per quale motivo il collega fosse in possesso del badge di altri essendosi trattato di un singolo caso conseguente ad un incidente automobilistico. Il dipendente avrebbe dovuto comunicare il ritardo direttamente al datore di lavoro senza chiedere l’intervento di persone esterne.

Simone Gussoni

Fonti: Laleggepertutti.it

Dott. Simone Gussoni

Il dott. Simone Gussoni è infermiere esperto in farmacovigilanza ed educazione sanitaria dal 2006. Autore del libro "Il Nursing Narrativo, nuovo approccio al paziente oncologico. Una testimonianza".

Leave a Comment
Share
Published by
Dott. Simone Gussoni

Recent Posts

Covid-19, muore infermiere 59enne: la terapia intensiva porterà il suo nome

È morto questa mattina a causa del Covid-19 Sergio Bonazzi, infermiere in servizio presso il…

4 ore ago

Ginecologia e resistenza agli antibiotici: l’utilità dei probiotici

In ambito ginecologico la resistenza agli antibiotici crea numerosi problemi. Gli antibiotici vengono prescritti in…

9 ore ago

Hiv e Aids, i dati Iss sulle nuove diagnosi in Italia nel 2019

Pubblicati i dati Iss sulle nuove diagnosi di infezione da HIV e dei casi di…

10 ore ago

IG-IBD – Malattie infiammatorie croniche intestinali, il bilancio del 2020

Considerevoli i ritardi diagnostici, ma aumentano le opzioni terapeutiche “Anche in caso di sintomi evidenti…

10 ore ago

ASP Cosenza: concorso pubblico per infermieri

In esecuzione della deliberazione del Commissario Straordinario dell'ASP di Cosenza n. 1193 del 25/11/2020 è…

11 ore ago

Infarto, bypass e angioplastica: dove operarsi?

I ricoveri per infarto miocardico acuto sono calati del 7,6% tra il 2012 e il…

11 ore ago