Biondino alla Sasso: “A sbagliare saranno mica alcuni dirigenti e luminari dell’infermieristica italiana?”

la prof.ssa Loredana Sasso (professore ordinario del SSD Med/45 al Dipartimento di Scienze della salute dell’università di Genova): “C’è un movimento che sta cercando di…

Solo pochi giorni fa c’è stato uno ‘storico’ appello da parte di chi governa la professione infermieristica: stop alle “condotte inopportune” dei professionisti infermieri negli spazi pubblici, con particolare riferimento ai social network, vere e proprie fogne professionali a cielo aperto

Giusto. Sacrosanto. E personalmente non vedevo l’ora, viste le continue e imbarazzanti “perle di saggezza” espulse nel web da molti esimi colleghi fortemente ‘intellettuali’, che non perdono occasione di ridicolizzare sé stessi e l’infermieristica di fronte alle altre professioni (quelle vere), ai cittadini e che contribuiscono ad allontanarci sempre di più da un qualsivoglia riconoscimento economico/sociale.

Eppure, manco a farlo apposta… E’ arrivata la memorabile uscita di una luminare dell’infermieristica italiana, la prof.ssa Loredana Sasso (professore ordinario del SSD Med/45 al Dipartimento di Scienze della salute dell’università di Genova): “C’è un movimento che sta cercando di recuperare l’infermieristica di base che da noi qualche DEFICIENTE chiama demansionamento…”.

Un’uscita che, puntuale come un orologio svizzero, rischia di far crollare (fortunatamente solo in parte) le molte battaglie e il consenso di quegli infermieri che, a fatica, in nome del diritto, si battono quotidianamente per far rispettare la legge e per abbattere una terribile piaga: quella del demansionamento.

Un’uscita che addirittura li umilia, dandogli dei DEFICIENTI.

A loro e a una trentina di giudici, tra l’altro, visto che è questo (circa) il numero dei casi che ha visto le aziende sanitarie condannate e costrette a risarcire gli infermieri demansionati; i pochi che hanno avuto il coraggio di denunciare.

Un’uscita terribile che rischia, ancora una volta, di far sghignazzare le professioni che, forti di un livello culturale decisamente diverso, continuano a guardarci dall’alto verso il basso. A ragione. Sprezzanti.

Fortemente restie a riconoscere ciò che è irriconoscibile: l’infermieristica italiana come professione vera.

Ma al di là di ogni polemica, superflua e tutto sommato inutile (visto il livello culturale di cui sopra), mi rivolgo alla FNOPI: l’uscita della professoressa Sasso, anche se non è stata affidata ai social, è davvero accettabile…?!

Perché viste le condizioni disperate e pietose in cui versa questa martoriata professione (parlo di realtà, non di ciò che si respira nei palazzi e tra le poltrone), sarà mica che a sbagliare, da tempo immemore, siano i dirigenti e i “luminari” dell’infermieristica italiana?

 

Alessio Biondino

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Nursind, fuori luogo chi considera l’indennità infermieristica un’offesa ad altre professioni

Lo afferma, in una nota, il segretario nazionale del Nursind infermieri Andrea Bottega.  "Mi limito…

7 ore ago

Fnopi, Indennità di specificità infermieristica: un riconoscimento meritato, ancora da rafforzare

L’indennità infermieristica prevista nella legge di bilancio 2021 non è “un’offesa verso le altre professioni”…

8 ore ago

ASP Enna: avviso pubblico urgente per infermieri da destinare all’emergenza Covid

Avviso pubblico con Procedura Straordinaria ed Urgente per la formulazione di una graduatoria per il…

8 ore ago

Azienda USL Toscana Nord Ovest: concorso per 3 infermieri dirigenti

Concorso pubblico unificato, per titoli ed esami, per la copertura di tre posti di dirigente…

8 ore ago

FVG: concorso pubblico per 4 posti di ostetrica/o. Al via le domande

Azienda regionale di coordinamento per la salute - Arcs - Udine Bando di concorso pubblico,…

8 ore ago