Catania, paziente accusa medico e ospedale di malasanità: perde la causa e deve pagare 90mila euro.

Un’azione legale a dir poco incauta, costata molto cara al ricorrente. Decisiva la perizia del consulente tecnico.

Epilogo inatteso per un presunto caso di malasanità risalente al 2011. Coinvolto un paziente che sporse denuncia chi considerava in parte responsabile di una successiva patologia. Il fatto – È il 3 aprile del 2009 quando l’uomo si sottopone a un esame cardiologico di controllo in una nota struttura privata catanese. A distanza di un anno, dopo periodici, regolari e ulteriori visite, inizialmente eseguite dallo stesso medico e poi in altre strutture sanitarie, il paziente è sottoposto a una coronarografia. Ritenendo che il cardiologo abbia sbagliato la diagnosi, ritardato l’esame di una prova da sforzo e contribuito all’intervento, lo cita in giudizio insieme alla struttura nella quale si era sottoposto alla visita nel 2009. Tutto ciò senza preoccuparsi di produrre una consulenza medica di parte e richiedendo danni per 200mila euro. Il processo – Costituitisi in giudizio, medico e struttura negano le responsabilità. Tuttavia, nel rispetto dei ruoli e per scrupolo difensivo, richiedono il coinvolgimento (a garanzia) dei rispettivi assicuratori, come peraltro da qualche anno la legge impone ai liberi professionisti chiamati a sottoscrivere polizze capaci di soddisfare eventuali danni provocati a terzi. Le società assicuratrici, costituitesi a loro volta, chiedono il rigetto della domanda del paziente. Dopo avere nominato un consulente tecnico unico, il giudice dà incarico a un medico legale e a uno specialista di verificare le procedure, il percorso del paziente e il suo stato di salute. Nell’agosto del 2016 la perizia (32 pagine) conferma la correttezza delle diagnosi e l’assenza di responsabilità degli accusati, che non hanno colpe per i successivi problemi del paziente. La sentenza
– Il 28 gennaio scorso, a distanza di quasi otto anni dalla denuncia, il giudice del Tribunale di Catania, V sez. civile, Giuseppe Artino Innaria, dichiara inesistente il danno e condanna il paziente a pagare le spese legali dei quattro avvocati (del cardiologo, della struttura sanitaria e dei due assicuratori). Una somma considerevole: circa 20mila euro ciascuno. Inoltre il Tribunale ritiene che il ricorrente abbia “intrapreso l’iniziativa giudiziaria senza la dovuta prudenza, non vagliando preventivamente le sue ragioni con una consulenza medico-legale di parte”. Pertanto lo condanna per responsabilità aggravata al pagamento di ulteriori 2.686 euro a ognuno dei quattro convenuti. Un ulteriore aggravio, che costa all’incauto denunciante un totale di circa 90mila euro. Redazione Nurse Times Fonte: La Sicilia  
Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Covid, Fials: Contagiate 102.942 di cui 70% infermiere, sono donne le più colpite.

Evidente disparità di genere Roma, 5 mar. – Femminili 70 contagi professionali ogni 100: le…

3 ore ago

Obesità e obesità infantile in crescita. 6 milioni di obesi in Italia

L'obesità è tra le più diffuse problematiche di salute a livello mondiale e la sua…

4 ore ago

Ema avvia la valutazione dello Sputnik V

L'Ema ha avviato la valutazione del vaccino russo Sputnik V contro il coronavirus. Il Governo…

5 ore ago

Ambulanza in urgenza si schianta contro muro: infermiere 57enne in gravissime condizioni

Un terribile incidente stradale ha coinvolto un’ambulanza della Croce Rossa questa notte. Lo schianto è…

5 ore ago

Bloccato un carico di 250mila vaccini AstraZeneca diretti in Australia

Bloccato un carico di 250mila vaccini AstraZeneca diretti in Australia. Lo ha deciso il governo…

6 ore ago

Covid Hospital di Pescara: 42 persone intubate, “ma sistema regge”

Sono 42 i pazienti in terapia intensiva, e dunque intubati, che si trovano nel Covid…

7 ore ago