Catanzaro, pagato per ore di lavoro non svolte: indagati medico e suo superiore

Accadeva all'ospedale Pugliese-Ciaccio. Romeo Carnevali, con la complicità di Claudio Ceccotti, si sarebbe più volte assentato dal servizio senza giustificato motivo, percependo comunque l'intero stipendio.…

Accadeva all’ospedale Pugliese-Ciaccio. Romeo Carnevali, con la complicità di Claudio Ceccotti, si sarebbe più volte assentato dal servizio senza giustificato motivo, percependo comunque l’intero stipendio.

Nel corso di circa un quadriennio avrebbe accumulato ben 27 settimane di assenze ingiustificate dal servizio, comunque retribuite. Assenze inanellate con la complicità del suo superiore, che avrebbe omesso di applicare regolamenti o di segnalare alle autorità competenti gli allontanamenti arbitrari del collega dal posto di lavoro.

Il sostituto procuratore della Repubblica di Catanzaro, Stefania Paparazzo, ha chiuso le indagini per due medici in servizio all’ospedale Pugliese-Ciaccio, nei cui confronti si ipotizza il reato di abuso d’ufficio aggravato in concorso. Si tratta di Romeo Carnevali, 65 anni, nato a Piombino, e Claudio Ceccotti, 71 anni, nato a Napoli. Entrambi sono residenti nel capoluogo calabrese.

Dal 2014 al novembre del 2016 Carnevali, direttore responsabile della Struttura semplice dipartimentale di Chirurgia orale dell’Azienda ospedaliera, si sarebbe assentato senza giustificazione alcuna dal posto di lavoro, procurandosi un ingiusto vantaggio patrimoniale. Avrebbe infatti percepito il regolare stipendio, comprensivo dell’attività lavorativa di fatto non svolta, danneggiando così l’Asp Catanzaro

, che da un lato ha sborsato gli emolumenti e dall’altro non ha beneficiato delle prestazioni professionali del dirigente medico nella misura minima prevista dall’orario di lavoro.

Carnevali, come detto, avrebbe agito col concorso omissivo di Ceccotti, direttore del dipartimento di Neuroscienze, il quale non gli avrebbe impedito di ricevere gli emolumenti per un’attività lavorativa mai espletata. Assenze ripetute, secondo la Procura, anche da novembre 2016 al mese di ottobre 2018, sia in qualità di direttore responsabile facente funzioni della Struttura complessa di Odontostomatologia (dal 3 novembre 2016 al 19 aprile 2018) che in veste di direttore responsabile della Struttura complessa di Odontoiatria e Stomatologia (dal 20 aprile 2018 al 31 ottobre 2018).

Anche in questo biennio Carnevali avrebbe percepito emolumenti per il lavoro non svolto. E anche in questi casi il suo superiore non avrebbe denunciato il fatto alla magistratura penale o alla Corte dei conti, bypassando il regolamento interno dell’Azienda sanitaria provinciale, che impone al dirigente di inoltrare tempestiva denuncia.

A febbraio scorso Carnevali è stato destinatario di un provvedimento di sequestro preventivo ai fini della confisca di 70.572,48 euro, emesso dal gip su richiesta della Procura ed eseguito dalla guardia di finanza. Le indagini avevano consentito di accertare che lo specialista, pur presentandosi regolarmente in servizio, svolgeva quasi sempre il proprio orario di lavoro in misura inferiore a quella dovuta, allontanandosi senza alcuna giustificazione e senza completare l’orario obbligatorio, previsto da contratto in 38 ore settimanali. Obiettivo dell’inchiesta era individuare possibili responsabilità nei superiori gerarchici. Ora il cerchio si è chiuso anche su Ceccotti.

Redazione Nurse Times

Fonte: Calabria7

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Napoli, ucciso dal Covid un infermiere in pensione: aveva ripreso servizio per dare una mano

Alfonso Durante, 75 anni, era tornato a disposizione delle Misericordie di Grumo Nevano come volontario.…

35 minuti ago

Nursind, fuori luogo chi considera l’indennità infermieristica un’offesa ad altre professioni

Lo afferma, in una nota, il segretario nazionale del Nursind infermieri Andrea Bottega.  "Mi limito…

11 ore ago

Fnopi, Indennità di specificità infermieristica: un riconoscimento meritato, ancora da rafforzare

L’indennità infermieristica prevista nella legge di bilancio 2021 non è “un’offesa verso le altre professioni”…

11 ore ago

ASP Enna: avviso pubblico urgente per infermieri da destinare all’emergenza Covid

Avviso pubblico con Procedura Straordinaria ed Urgente per la formulazione di una graduatoria per il…

11 ore ago

Azienda USL Toscana Nord Ovest: concorso per 3 infermieri dirigenti

Concorso pubblico unificato, per titoli ed esami, per la copertura di tre posti di dirigente…

12 ore ago