Categorie: NT - News

Chirurgo paralizzato torna ad operare grazie ad una carrozzina robotica

Ted Rummel, un chirurgo ortopedico statunitense, è andato contro ogni pronostico, ritornando ad operare nonostante fosse rimasto paralizzato dal 2010 a causa della rottura di un angioma cavernoso spinale.

Grazie alla propria forza di volontà e ad un anno di intense sedute fisioterapiche è riuscito a proseguire la propria carriera mediante l’utilizzo di una carrozzina robotica che gli permette di superare qualsiasi ostacolo.

Il coraggioso ortopedico riesce ad effettuare ogni intervento ortopedico senza alcuna limitazione.

Le sue abilità fisiche sono rimaste inalterate grazie a sedute fisioterapiche quotidiane alle quali si sottopone e al supporto della propria famiglia.

“La speranza di poter riuscire a fare tutto ciò che potevo fare in precedenza mi ha dato la forza e mi ha salvato la vita.”

Rummel prosegue: “Essere ancora in grado di operare mi permette di riavere una parte di vita molto importante. Lo strepitoso risultato ottenuto è andato ogni oltre più rosea previsione”.

Tutto ebbe inizio nel 2009 quando il dr. Rummel ricevette la diagnosi. Gli specialisti che lo visitarono deciderono di non operare ma dopo 11 mesi l’angioma si ruppe. Nel mese di settembre 2010 fu quindi necessario intervenire in urgenza.

Terminata la delicata operazione il medico rimase paraplegico. Un chirurgo che mediamente effettuava 1.000 interventi chirurgici ogni anno all’improvviso si trovava di fronte ad un futuro incerto.

Uno dei primi pensieri fu che la mia vita fosse stata cancellata in un istante. Avrei dovuto ridefinire tutta la mia vita”.

Dopo un breve periodo di sconforto Rummel si fece coraggio e decise che, ad ogni costo, avrebbe ricominciato ad operare. Esattamente un anno dopo l’intervento tornò in sala operatoria.

Durante il suo primo intervento fu supervisionato da un altro ortopedico, pronto ad intervenire in caso di necessità. Tutto andò bene e Rummel completo la procedura senza alcun intoppo.

La storia che ha visto protagonista un medico statunitense deve essere di esempio per tutti i professionisti sanitari che, in un momento storico difficile come quello attuale, potrebbero perdere le speranze per un futuro migliore.

Simone Gussoni

Dott. Simone Gussoni

Il dott. Simone Gussoni è infermiere esperto in farmacovigilanza ed educazione sanitaria dal 2006. Autore del libro "Il Nursing Narrativo, nuovo approccio al paziente oncologico. Una testimonianza".

Leave a Comment
Share
Published by
Dott. Simone Gussoni

Recent Posts

“Giochi fatti” per il rinnovo degli Organi FNOPI: la “maggioranza bulgara” della Mangiacavalli

E’ tempo di elezioni in seno alla Federazione Nazionale Ordini delle Professioni Infermieristiche. I 102…

2 ore ago

Covid, Fials: Contagiate 102.942 di cui 70% infermiere, sono donne le più colpite.

Evidente disparità di genere Roma, 5 mar. – Femminili 70 contagi professionali ogni 100: le…

16 ore ago

Obesità e obesità infantile in crescita. 6 milioni di obesi in Italia

L'obesità è tra le più diffuse problematiche di salute a livello mondiale e la sua…

16 ore ago

Ema avvia la valutazione dello Sputnik V

L'Ema ha avviato la valutazione del vaccino russo Sputnik V contro il coronavirus. Il Governo…

17 ore ago

Ambulanza in urgenza si schianta contro muro: infermiere 57enne in gravissime condizioni

Un terribile incidente stradale ha coinvolto un’ambulanza della Croce Rossa questa notte. Lo schianto è…

18 ore ago

Bloccato un carico di 250mila vaccini AstraZeneca diretti in Australia

Bloccato un carico di 250mila vaccini AstraZeneca diretti in Australia. Lo ha deciso il governo…

18 ore ago