Nuovo tassello nel mosaico della riforma riguardante gli ordini professionali sanitari.

Il 30 luglio sono stati pubblicati in Gazzetta Ufficiale i decreti firmati dal ministro della Salute, Giulia Grillo, per la composizione del consiglio direttivo e delle commissioni di albo all’interno dell’Ordine delle professioni infermieristiche (infermieri e infermieri pediatrici), nonché dell’Ordine dei tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione. Vediamo nel dettaglio le direttive riguardanti gli infermieri.

Il consiglio direttivo degli Ordini delle professioni infermieristiche è composto come segue:

  • da 7 componenti, di cui 6 in rappresentanza della professione sanitaria di infermiere e 1 in rappresentanza della professione sanitaria di infermiere pediatrico, se, complessivamente, gli iscritti all’Albo della professione sanitaria di infermiere e gli iscritti all’Albo della professione sanitaria di infermiere pediatrico non superano il numero di 500;
  • da 9 componenti, di cui 8 in rappresentanza della professione sanitaria di infermiere e 1 in rappresentanza della professione sanitaria di infermiere pediatrico, se, complessivamente, gli iscritti all’Albo della professione sanitaria di infermiere e gli iscritti all’Albo della professione sanitaria di infermiere pediatrico superano il numero di 500, ma non il numero di 1.500;
  • da 15 componenti, di cui 13 in rappresentanza della professione sanitaria di infermiere e 2 in rappresentanza della professione sanitaria di infermiere pediatrico, se, complessivamente, gli iscritti all’Albo della professione sanitaria di infermiere e gli iscritti all’Albo della professione sanitaria di infermiere pediatrico superano il numero di 1.500.

Qualora non risultino infermieri pediatrici eletti, il consiglio direttivo è composto da soli infermieri.

Le commissioni di albo degli Ordini delle professioni infermieristiche sono composte come segue:

  • da 5 componenti del medesimo albo, se gli iscritti all’albo stesso non superano i 1.500;
  • da 7 componenti, se gli iscritti superano i 1.500, ma sono inferiori a 3.000;
  • da 9 componenti, se gli iscritti superano i 3.000.

Redazione Nurse Times