Coronavirus: a breve in commercio le mascherine con il proprio volto per il riconoscimento facciale dello smartphone

In seguito all’epidemia di Coronavirus che ha colpito la Cina molti abitanti di diverse aree del nostro pianeta hanno manifestato una vera e propria psicosi (spesso immotivata) da contagio.

Gli stock di mascherine chirurgiche sono stati presi d’assalto, facendo levitare il loro prezzo alle stelle generando anche un imponente mercato nero di vendita al dettaglio in strada.

È di pochi giorni fa la notizia che a Genova siano pressoché introvabili tali mascherine, nonostante al momento, non ci siano ragioni perché vengano utilizzate regolarmente in Italia. Non c’è infatti alcuna indicazione da parte degli organismi scientifici internazionali, tra cui l’ECDC, a usarle per prevenzione.

Oltretutto chi se ne approvvigiona per uso personale rischia di mettere in difficoltà chi ne ha bisogno, come gli operatori sanitari, dal momento che si rischia l’esaurimento delle scorte. L’augurio è che il senso civico porti ad evitare ulteriori acquisti di grandi quantità assolutamente inutili, soprattutto se fatti da chi non è formato all’utilizzo di tali dispositivi.

Poiché molte persone trascorrono gran parte della giornata indossando questi filtranti, un gruppo di designer di San Francisco ha avuto la brillante idea di stampare il volto del proprietario su di essi, consentendo il riconoscimento dei sistemi di sblocco facciale di smartphone e tablet.

Il nome dato a questa invenzione è Resting Risk Face, una mascherina livello N95 con stampate le sembianze del volto del proprietario. Una volta indossata, non nasconde l’identità del proprietario, permettendo di poter far funzionare i sistemi di sblocco facciale degli smartphone senza dover esporre le vie respiratorie.

Le mascherine classiche lasciano visibili solo gli occhi e una piccola porzione del volto rendendo estremamente difficile il riconoscimento tra persone e praticamente impossibile ad un software.

Poiché molti smartphone utilizzando sistemi di sblocco del dispositivo utilizzando il viso come password biometrica, di volta in volta, diventa necessario rimuovere la mascherina per accedere al cellulare. Questa idea invece permette di bypassare il problema stampando sul tessuto la porzione di volto coperta.

Per configurare la maschera è sufficiente aprire l’applicazione e caricare una propria fotografia. Il sistema andrà a stampare evitando distorsioni causate dalla superficie curva. Dopo aver visualizzato l’anteprima online, si può procedere alla conferma dell’ordine.

“Le maschere N95 sono noiose e deumanizzanti – ha commentato la designer Danielle Baskin dietro al progetto – ma ce ne sarà sempre più bisogno per via di virus o incendi […] si potrebbero anche vendere come sistema anti videosorveglianza e gli amici potrebbero scambiarsi il volto”.

Sono già state ordinate oltre 1.000 unità, al modico prezzo di 35 euro cadauna. Non è ancora chiaro quando saranno lanciate in commercio.

Dott. Simone Gussoni

Dott. Simone Gussoni

Il dott. Simone Gussoni è infermiere esperto in farmacovigilanza ed educazione sanitaria dal 2006. Autore del libro "Il Nursing Narrativo, nuovo approccio al paziente oncologico. Una testimonianza".

Leave a Comment
Share
Published by
Dott. Simone Gussoni

Recent Posts

L’ordine degli infermieri di Napoli diffida l’università Vanvitelli

L’Ordine delle professioni infermieristiche di Napoli ha diffidato formalmente l’Università degli Studi della Campania “Luigi…

11 minuti ago

Infermiera vince la causa dopo essersi rifiutata di vaccinarsi contro l’influenza

Si torna a parlare dell'infermiera siciliana si è rifiutata di vaccinarsi contro l’influenza, come stabilito…

48 minuti ago

Coronavirus, il grazie di un paziente al personale dell’ospedale di Grottaglie

Rilanciamo la lettera diel 75enne Giorgio Gianuario, pubblicata da Punti di Vista Press insieme al…

2 ore ago

Infermiere travolto da una valanga: il cordoglio di Opi Bergamo

E' deceduto a soli 42 anni Claudio Rossi, collega del 118 dell'Ospedale Papa Giovanni XXIII.…

3 ore ago

Distribuzione gratuita dei saturimetri in farmacia: cosa è andato storto?

La campagna istituzionale MisuriAMO 2 non ha funzionato a dovere. I chiarimenti di Federfarma. Mentre in…

4 ore ago