Coronavirus, caso con 18 mutazioni rilevato in Russia

Trattandosi di un caso isolato, per ora è impossibile parlare del tasso di diffusione del nuovo ceppo.

Scienziati russi hanno pubblicato un preprint dello studio che descrive il caso di una paziente nel cui corpo il coronavirus ha acquisito 18 nuove mutazioni. L’analisi è stata condotta da scienziati dell’Istituto di scienza e tecnologia di Skolkovo in collaborazione con i ricercatori dell’Istituto per i problemi di trasmissione delle malattie infettive AA. Kharkevich RAS, La Prima Università Medica statale I.P. Pavlova e il ersity dal nome I.P. Pavlova e l’Istituto delle ricerche N.I. AA. Smorodintseva. Il lavoro è stato pubblicato sul portale Virological.org.

Mutazioni del coronavirus sono state trovate in una donna di 47 anni con diagnosi di linfoma diffuso non Hodgkin dei linfociti B stadio IV B (neoplasia maligna). La paziente aveva contratto il coronavirus ad aprile, dopo di che è stata ripetutamente testata per il coronavirus. I risultati dei test sono stati positivi fino al 9 settembre.

Come punto di riferimento, gli scienziati hanno preso il genoma del coronavirus da un campione di tampone di un paziente da cui si ritiene che la donna abbia contratto il virus. Nel corso dello studio, gli scienziati hanno scoperto che il Covid-19 ha acquisito nel corpo della donna 18 nuove mutazioni, incluse due nel gene della proteina S, le stesse che erano state precedentemente trovate nei visoni danesi.

Anche il ceppo britannico del coronavirus potrebbe mutare, per lungo tempo in un paziente con un sistema immunitario indebolito o soppresso, ha detto in un’intervista ai media russi, Konstantin Krutovsky

, professore del Dipartimento di Genomica e bioinformatica dell’Università Federale Siberiana, e professore all’Università di Göttingen (Germania). Lo studio russo ha dimostrato che l’acquisizione di un gran numero di mutazioni è il risultato della presenza a lungo termine del virus in un organismo, ha detto, spiegando che è in tali condizioni che il coronavirus è in grado di evolversi rapidamente verso l’adattamento all’organismo ospite umano. Secondo Krutovsky, ora è impossibile parlare del tasso di diffusione del ceppo russo, poiché è stato descritto solo uno di questi casi.

Pavel Volchkov, capo del Laboratorio di Ingegneria genomica del MIPT, ha sottolineato che la variante del coronavirus rilevata in Russia appartiene allo stesso gruppo di organismi strettamente correlati del ceppo britannico. Lo scienziato ha suggerito che la variante del ceppo russo non ha acquisito mutazioni pericolose, poiché non si è ancora diffusa. È prematuro trarre conclusioni significative sul tasso di mutazione, diffusione o aumento della mortalità sulla base di queste informazioni, ha sottolineato.

Alla vigilia della scoperta della possibile esistenza in Russia di uno specifico ceppo di coronavirus, simile a quello scoperto nel Regno Unito, il direttore del Centro Gamaleya, Alexander Gunzburg, aveva affermato: “Siamo in attesa di scoprire se anche il nostro Paese ha il proprio ceppo di coronavirus con proprietà alterate, come già in Gran Bretagna, Sud Africa, e Brasile, sono stati rilevato ceppi propri”. Secondo Gunzburg, in Russia vengono sequenziati un numero significativamente inferiore di campioni di virus rispetto alla Gran Bretagna. E’ quindi possibile che sia per questo che un nuovo ceppo non sia stato ancora identificato.

Le autorità britanniche hanno annunciato la scoperta di un nuovo ceppo di coronavirus più contagioso (ma non anche più letale o pericoloso) a metà dicembre. Questa mutazione è stata successivamente identificata in numerosi altri paesi, inclusi Stati Uniti, Cina, Turchia, Tailandia e Grecia. Il 10 gennaio il capo del Rospotrebnadzor (Agenzia russa per la salute e la difesa dei consumatori), Anna Popova, ha annunciato che è stato rilevato in Russia il primo caso di contagio con il ceppo britannico di coronavirus.

Redazione Nurse Times

Fonte: Sputnik News

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Riconoscimento precoce dell’aggravamento del paziente pediatrico: PEWS

Il riconoscimento precoce dell’aggravamento del paziente pediatrico è un obiettivo fondamentale dell’assistenza in pediatria. Vari…

8 ore ago

Sanità Emilia Romagna. Al via la mobilitazione nelle aziende del SSR contro il calo del salario

Raccolta firme Emilia Romagna. Al via la mobilitazione nelle aziende del SSR contro il  calo…

10 ore ago

Una storia molto triste, testimonianze di infermieri

"A casa sarei peggiorata fino a morire, lo so che non vedrò più mio marito…

11 ore ago

Risonanza magnetica cardiaca in piena attività anche in emergenza Covid

Malgrado la paura generale a recarsi in ospedale per effettuare gli esami di routine, in…

12 ore ago

Torino, trapianto di fegato salva la vita a bimba di tre anni: la donatrice (vivente) è la mamma

La piccola, affetta da una rara malattia congenita del fegato, è stata operata all’ospedale Molinette…

14 ore ago