Coronavirus. Dallo tsunami sanitario allo tsunami giudiziario

Cazzolla "Si profilano all’orizzonte schiere di familiari che, avendo perso in queste settimane un proprio congiunto, ritengono di essere state vittime – sia pur indirettamente…

Sta arrivando! Mentre stiamo affrontando il dramma del coronavirus, c’è già chi è pronto ad intraprendere cause civili o penali contro i medici, duramente impegnati in questa lotta all’ultimo sangue.

Si profilano all’orizzonte schiere di familiari che, avendo perso in queste settimane un proprio congiunto, ritengono di essere state vittime – sia pur indirettamente – di “malpractice” ed intendono portare in giudizio le strutture sanitarie ed i medici che hanno preso in carico il loro parente.

E’ iniziata la richiesta di cartelle cliniche, con domande sulla tempestiva e corretta assistenza medica fornita.

Tale fenomeno che, temo, si allargherà a macchia d’ olio, impone una serie di interrogativi.

Sono tutti morti effettivamente per insufficienza respiratoria acuta grave, cagionata dal coronavirus? Non essendo stati sottoposti al tampone, chi può asserirlo? Quanti sono deceduti nelle loro abitazioni? Quanti sulle ambulanze? Quanti negli ospedali? Poiché le autopsie non potranno essere più effettuate, perché molti cadaveri sono stati cremati, come si potrà, attraverso le mere cartelle cliniche, ipotizzare una colpa per errore rimproverabile ed inescusabile a carico degli operatori sanitari?

A mio sommesso avviso, invocare il principio della maggiore speranza di vita (o probabilità di sopravvivenza), concetto in base al quale, in presenza di uno squilibrio tra necessità cliniche reali della popolazione e la disponibilità effettiva di risorse intensive (tradotto, carenza), le terapie di carattere intensivo vengono concentrate sui pazienti con maggiori possibilità di successo, non esonera da responsabilità civili o penali. Tale linea guida è invece considerata di fondamentale importanza da un esperto come il Dott. Pietro PUGLIESE, anestesista-rianimatore e risk manager dell’emergenza territoriale 118.

Infine non possiamo dimenticare i numerosi casi di medici contagiati perché sprovvisti di dispositivi di protezione individuali adeguati e completi, mandati completamente allo sbaraglio.

Siamo solo all’inizio della storia!    

Avv. Olindo CAZZOLLA del foro di ROMA, penalista, consulente legale della S.I.I.E.T.

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

USA: nasce bimba da embrione congelato 28 anni fa

Una bambina in Tennessee è nata da un embrione congelato nel mese di ottobre del…

10 ore ago

San Benedetto: cattiva gestione del Pronto Soccorso

L'Opi di Ascoli denucia alla Procura della Repubblica la cattiva gestione del Pronto soccorso e…

10 ore ago

Arianna Armenti presenta la sua tesi di laurea in infermieristica

Continua il grande successo editoriale di Nurse Times (testata giornalistica sanitaria gestita da infermieri), punto…

11 ore ago

Idrossiclorochina può provocare disturbi psichiatrici

L'utilizzo di clorochina o idrossiclorochina, farmaci utilizzati contro il Covid-19 soprattutto nella prima fase dell'emergenza,…

11 ore ago

Giornata internazionale delle persone con disabilità

Il 3 dicembre è la giornata internazionale delle persone con disabilità, un giorno istituito, nel…

12 ore ago

Proroga contratti Oss nella Asl Bat: nessuna indicazione dalla regione

BARLETTA – Il sit di protesta, in programma domani mattina davanti alla sede della Asl…

13 ore ago