Coronavirus, Emiliano alle mamme degli studenti pugliesi: “Non vi faccio tornare a scuola”

Il governatore dovrebbe emanare una nuova ordinanza per consentire alle famiglie degli alunni di elementari e medie di scegliere tra didattica in presenza e lezioni da casa.

“Non vi faccio tornare a scuola”. Lo scrive il governatore pugliese Michele Emiliano in un messaggio rivolto alle mamme che chiedono cosa succederà dopo giovedì prossimo, quando scadranno il decreto del premier Giuseppe Conte e l’ultima ordinanza sulle scuole firmata dallo stresso Emiliano.

E’ il quotidianio Repubblica ad anticiparne la volontà, che dovrebbe essere espressa attraverso una nuova ordinanza, sostanzialmente identica alla precedente. Se da Roma il nuovo decreto dovesse confermare la didattica a distanza per le superiori fino a gennaio, il presidente della Regione Puglia replicherebbe il provvedimento più restrittivo, che consente alle famiglie degli alunni di elementari e medie di scegliere tra didattica in presenza e lezioni da casa. Le scuole, dunque, dovrebbero continuare a garantire la didattica digitale integrata almeno fino a Natale.

Per oggi è previsto un tavolo a tema, convocato con i vertici dell’Ufficio scolastico regionale. Un dato certo c’è: nessuno vuole autorizzare il ritorno tra i banchi per tutti, almeno fino a gennaio. Dal 4 dicembre alle vacanze natalizie, del resto, passano appena un paio di settimane. 

Intanto la Federazione italiana pediatri (Fip) torna a chiedere di dedicare alle scuole alcuni ambulatori Asl, con giornate e orari riservati agli alunni. “Altrimenti, con l’arrivo dell’influenza, scoppierà il caos – ricorda il vicepresidente Luigi Nigri –, perché i pediatri potranno fare i tamponi negli studi solo in due casi specifici: ai contatti stretti di positivi dopo dieci giorni per la riammissione a scuola e ai contatti blandi. Entrambi, però, asintomatici”.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Puglia, concorso infermieri: ”Varie forme di pensiero dettate dai propri interessi personali.”

"Egregi Presidenti, Egregio Assessore alla SanitĂ  - Regione Puglia, Egregi lettori e colleghi. Scrivo a…

3 ore ago

Straordinaria vittoria dell’AADI: a Bergamo ora si pagano gli straordinari

Un’infermiera bergamasca ha chiesto alla sede centrale dell’Associazione Avvocatura Degli Infermieri se fosse giusto che…

18 ore ago

Fascicolo sanitario elettronico: nessuna scadenza per l’inserimento dei dati

In relazione alle notizie diffuse nei giorni scorsi, riguardo ad una presunta scadenza dell’11 gennaio…

18 ore ago

Fials: Oltre l’82% delle denunce Inail di contagio dei sanitari vengono da infermieri.

Ospedali inadeguati, subito messa in sicurezza Roma, 22 gen. – “Oltre l'82% delle denunce di…

19 ore ago

Il Fondo di solidarietĂ  #NoiConGliInfermieri: cosa c’è da sapere

La Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche è stata costretta a sospendere, per una…

21 ore ago