Coronavirus, in Puglia scatta l’obbligo di quarantena per chi rientra da 3 Paesi esteri

Coloro che tornano da Grecia, Malta o Spagna dovranno restare in isolamento per 14 giorni. Lo stabilisce un’ordinanza del governatore Emiliano per contrastare l’aumento di casi registrato negli ultimi giorni.

Il governatore Michele Emiliano ha comunicato le misure che la Regione Puglia adotterà a partire da oggi per contrastare l’aumento di casi di coronavirus registrato negli ultimi giorni sul territorio e lagato al turismo di ritorno. Lo ha fatto anche attraverso un post pubblicaoa sulla sua pagina Facebook, che riportiamo di seguito.

“Grecia, Malta, Spagna: abbiamo registrato negli ultimi due giorni numerosi casi di pugliesi risultati positivi al Covid-19 dopo essere rientrati da questi Paesi. Si tratta di giovani residenti in Puglia di rientro dalle vacanze estive. Grecia, Malta, Spagna sono Paesi con alta circolazione virale in questo momento. Per questa ragione sto per emanare un’ordinanza che dispone, a partire da domani (oggi, ndr): l’obbligo di isolamento fiduciario di 14 giorni per chi rientra in Puglia nella propria abitazione da Grecia, Malta e Spagna

L’obbligo di quarantena di 14 giorni per i residenti in Puglia che rientrano da Grecia, Malta e Spagna si aggiunge all’obbligo di quarantena già

previsto dalle leggi nazionali per numerosi Paesi esteri (elenchi C, D, E ed F, dell’allegato n. 20 del Dpcm del 7 agosto 2020). Vi ricordo che rimane l’obbligo per tutti coloro che arrivano da altre regioni italiane e da tutti i Paesi esteri di autosegnalarsi sul sito https://www.sanita.puglia.it/autosegnalazione-coronavirus. Questo obbligo è disposto per tutti, residenti in Puglia e non residenti, e quindi anche per i turisti.

Per coloro che si autosegnalano si attiva la sorveglianza attiva da parte dei Dipartimenti di prevenzione delle Asl. Grazie a un protocollo sottoscritto con le forze dell’ordine i controlli sul rispetto dell’obbligo di autosegnazione saranno rafforzati. Le forze dell’ordine daranno anche supporto all’azione delle nostre Asl nel tracciamento dei contatti stretti dei casi positivi Covid-19. Vi ricordo che la non ottemperanza dell’obbligo di autosegnalazione prevede sanzioni pesanti, ove il fatto non costituisca più grave reato. Accanto a queste misure vi informo che si amplia l’offerta dell’esecuzione del tampone per tutti coloro che rientrano in Puglia da aree a rischio”.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Umbria, il Santa Maria cerca 170 infermieri

Il Santa Maria apre un avviso pubblico per solo colloquio per 170 posizioni per infermieri…

3 ore ago

Operata al cervello mentre guarda immagini e ascolta musica

Valeriana, di 38 anni, aveva un tumore al cervello. Le è stato rimosso dall'équipe del…

3 ore ago

ENPAPI: “disponibili infermieri libero professionisti vaccinatori, ma con adeguata remunerazione”

L'ENPAPI, Ente di Previdenza e Assistenza della Professione Infermieristica, ha scritto al Commissario Straordinario per…

4 ore ago

La pandemia vista dagli occhi di un bambino

Giunge alla mail di redazione una lettera toccante di un bambino di soli 12 anni…

5 ore ago

La delibera Veneto sugli Oss con formazione complementare: “è inaccettabile”

"La delibera della Regione Veneto è inaccettabile: riscrive un profilo senza passare dalla Conferenza Stato-Regioni".…

5 ore ago

Scompenso cardiaco cronico, “Fondamentale la diagnosi precoce”

Lo sostengono, in un'intervista rilasciata ad Alleati per la Salute, gli esperti Maria Rosaria Di…

9 ore ago