Coronavirus, Iss-Sip: “Finora 8 decessi tra gli under 19”

E’ uno dei dati, aggiornati al 18 novembre, forniti da Istituto Superiore di Sanità e Società Italiana Pediatri.

Sono stati otto i decessi per coroinavirus registrati in bambini e ragazzi da zero a 19 anni dall’inizio dell’epidemia, a fronte degli oltre 52mila decessi registrati tra gli adulti. Sempre dall’inizio della pandemia il numero comlessivo dei contagiati in questa fascia d’età è stato di 149.219, pari al 12,2% del totale.

A fare il punto, sulla base degli ultimi dati forniti dall’Istituto Superiore di Sanità (Iss) e aggiornati al 18 novembre, è la Società Italiana Pediatri (Sip), in occasione della conferenza stampa di presentazione del Congresso Straordinario Digitale “La Pediatria italiana e la pandemia da Sars-CoV-2”. 

Nello specifico, tra gli zero e i 9 anni sono stati diagnosticati 43.841 casi di coronavirus, pari al 3,6% del totale, mentre nella fascia di età 10-19 si contano 105.378 contagi, pari all’8,6%. Tra i bimbi da zero o un anno, gli asintomatici sono il 64%, quelli con sintomi lievi il 32% e solo il 3% manifesta sintomi severi. Tra i 2 e i 19 anni, invece, gli asintomatici sono più di 7 su 10, e la restante parte ha pochi sintomi. Solo il 0,4% ha sintomi severi dovuti all’infezione da coronavirus.

“Nei mesi del lockdown – ha dichiarato Alberto Villani, presidente Sip –, tra i bambini abbiamo avuto quattro decessi con pregresse patologie e un numero molto basso di contagi. Contagi che sono rimasti bassi nel periodo post lockdown ed estivo. Poi, da ottobre in poi, abbiamo visto un incremento della curva. Ma anche i nuovi numeri confermano che i bambini hanno forme meno gravi e che è rara, anche se non impossibile, la necessità di cure intensive. Anche rispetto ai decessi gli ultimi dati sono in linea con l’atteso, a conferma del fatto che i bambini corrono meno rischi diretti a causa dell’emergenza sanitaria ma hanno tutta una serie di rischi collaterali molto importanti, le cui conseguenze però non si manifestano oggi”

.

Dal Congresso Straordinario Digitale “La Pediatria italiana e la Pandemia da Sars-CoV-2” è emerso anche che il Covid-19 sta avendo conseguenze importanti sulla salute dei bambini. Nello specifico, secondo i dati comunicati dalla Sip, dall’inizio dell’epidemia gli accessi al pronto soccorso pediatrico si sono ridotti in media del 40% e conseguentemente sono emersi dei ritardi nella diagnosi di patologie anche gravi.   

“A farne le spese – ha spiegato Giovanni Corsello, past president Sip – sono soprattutto i più fragili, cioè quel milione di bambini con patologie croniche complesse che, durante le fasi più acute della pandemia, si sono trovati nella impossibilità di seguire i controlli, di raggiungere gli ospedali e spesso anche gli ambulatori dei pediatri di famiglia, con conseguenze negative sul piano clinico e psicologico”.

La pandemia di coronavirus ha portato, seppur indirettamente, anche a una riduzione del numero delle vaccinazioni somministrate ai più piccoli. Inoltre, secondo un’indagine condotta dalla Società italiana malattie genetiche pediatriche e disabilità congenite, dall’inizio della pandemia di coronavirus il 40% dei bambini “fragili” ha interrotto i controlli, spesso decisivi per evitare complicanze della patologia.

Secondo le stime della Società di medicina emergenza urgenza pediatrica (Simeup), durante la pandemia il calo medio dell’utenza pediatrica nei Pronto Soccorso è stato del 40%. In alcuni territori questa percentuale sale all’80%. Un altro dato da non sottovalutare è la crescita dal numero di bambini nati morti durante la pandemia, per i mancati controlli in gravidanza. In Lazio, per esempio, è stato registrato un significativo aumento dei bambini nati morti. “Abbiamo avuto difficoltà nella prima ondata ma gli ospedali e i pronto soccorso oggi sono sicuri – ha commentato il presidente della Sip –. Non si rischia il contagio e bisogna farvi ricorso ogni volta che sia necessario”.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Straordinaria vittoria dell’AADI: a Bergamo ora si pagano gli straordinari

Un’infermiera bergamasca ha chiesto alla sede centrale dell’Associazione Avvocatura Degli Infermieri se fosse giusto che…

15 ore ago

Fascicolo sanitario elettronico: nessuna scadenza per l’inserimento dei dati

In relazione alle notizie diffuse nei giorni scorsi, riguardo ad una presunta scadenza dell’11 gennaio…

15 ore ago

Fials: Oltre l’82% delle denunce Inail di contagio dei sanitari vengono da infermieri.

Ospedali inadeguati, subito messa in sicurezza Roma, 22 gen. – “Oltre l'82% delle denunce di…

15 ore ago

Il Fondo di solidarietà #NoiConGliInfermieri: cosa c’è da sapere

La Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche è stata costretta a sospendere, per una…

17 ore ago

Il test di Israele sul vaccino anti-Covid: una singola dose non basta

Israele ha vaccinato oltre un terzo della sua popolazione, record nel mondo, e sta misurando…

18 ore ago

Fisiologica al posto del vaccino COVID-19: indagano i NAS a Trento

Medici, infermieri, operatori socio sanitari. Tra le 47 persone che venerdì 15 gennaio si sono…

18 ore ago