Coronavirus: la diffida dell’Aadi all’Asur Marche Area Vasta 5.

Di seguito la nota inviata dal presidente Di Fresco alla direzione generale dell’Azienda. Oggetto: la mancanza di presidi medico-chirurgici protettivi e di protocolli / linee guida per l’approccio ai pazienti affetti da COVID-19.

La scrivente Associazione tutela il diritto del lavoro e della salute degli Infermieri sul territorio italiano. Pervengono alla scrivente segnalazioni su stati di abbandono e disinteresse della salute degli infermieri in palese violazione del disposto di cui all’art. 2087 C.C. In particolare, stanotte, nel blocco operatorio è stato intubato un paziente sospetto COVID-19 e la dirigente infermieristica, dott.ssa La Rocca, alla richiesta degli operatori di ottenere adeguati presidi, ha consegnato solo 4 kit, nonostante in servizio ci fossero 15 unità sanitarie e senza contare che ogni kit dura solo 4 ore. Successivamente, dal D.E.A., sono stati consegnati al blocco operatorio altri 10 kit, comunque insufficienti.

Questa infezione pare che venga troppo spesso sfruttata per giustificare abusi che però tuttora, la normativa sanziona e che non possono, quindi, essere tollerate altrimenti. Approfittando della dedizione degli infermieri e della situazione emergenziale, si dimenticano i principi costituzionali che tutelano la salute dei lavoratori, ponendoli a serio rischio infettivo. Le norme succitate non sono state sospese da nessun atto governativo e perciò continuano ad essere imposti quali limiti del potere datoriale.

Con la giustificazione del coronavirus si sta assistendo alla violazione sistematica e reiterata di diritti di natura costituzionale che interessano la dignità della persona e dei lavoratori. Nonostante ciò, questi professionisti continuano a prestare assistenza ai cittadini, a dimostrazione della loro professionalità ed abnegazione; ciò però non permette di gettarli, senza alcuna protezione, nel caos più totale. Comunque, non appare a questa Associazione che delle mascherine possano essere considerate presidi impegnativi ed esosi che non possono essere affrontati dalle amministrazioni pubbliche per tutelare la salute di chi sta offrendo la propria vita e le proprie capacità per il bene collettivo.

Per tali motivi si invita chi di dovere a fornire, tempestivamente, tali mezzi di protezione, altrimenti si procederà nelle sedi opportune per far valere quanto di ragione. Si informa, peraltro, che la giurisprudenza in materia, giustifica il rifiuto di prestazione l’obbligazione 10.03.2020 Prot. US105.20 Segreteria Nazionale C.F. 97761890587 Via Gesualdo Bufalino n. 12, scala C, int. 3 – 00139 Roma tel. 06.8818274 – 3288387220 www.aadi.it – legale@aadi.it – aadi@pec.it 2 contrattuale sanitaria se si pone a rischio, concretamente ed imminentemente, la salute del prestatore di lavoro anche per il semplice pregiudizio. Confidando in un riscontro, si inviano cordiali saluti.

Il presidente – dott. Mauro Di Fresco

Segui l’evoluzione dell’epidemia in tempo reale

 

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Stefania Mammi: “La delibera di Zaia mortifica migliaia di professionisti”

On. Stefania Mammi (M5S): OSS figura da valorizzare a livello nazionale. La delibera di Zaia mortifica…

13 ore ago

Testimonianze di infermieri, la storia di Gabrile Modeo

"Stasera vi riporto la toccante testimonianza di Gabriele Modeo, infermiere precario del reparto di rianimazione…

14 ore ago

Operatori sanitari non vaccinati, a Lecce in 200 ancora non l’hanno fatto

Sono duecento gli operatori sanitari della provincia di Lecce che non si sono presentati alla…

15 ore ago

La CNAI chiede revoca della delibera Veneto “Formazione complementare in assistenza sanitaria dell’Operatore Socio-Sanitario”

La CNAI - Consociazione Nazionale delle Associazioni Infermiere/i ha chiesto l’immediata revoca della delibera della…

16 ore ago

Padova: nate due bimbe con anticorpi contro il Covid-19 da madri vaccinate

Due bambine nate pochi giorni fa presso l’ospedale di Padova presentano già gli anticorpi contro…

16 ore ago

In Veneto percorso formativo supplementare per oss, risponde Opi Bari

"La declaratoria delle funzioni e atti professionali concessi agli OSS con formazione complementare del Veneto,…

16 ore ago