Coronavirus, l’allarme del Guardian: Usa rastrellano le scorte di remdesivir

Il quotidiano britannico rivela che l’amministrazione Trump sta cercando di aggiudicarsi la quasi totalità dei farmaci disponibili. Resto del mondo all’asciutto?

Secondo il quotidiano britannico The Guardian, “gli Usa hanno acquistato virtualmente tutte le scorte per i prossimi tre mesi di uno dei due farmaci che – è stato dimostrato – funzionano contro Covid-19, senza lasciare praticamente nulla a Regno Unito, Europa o alla maggior parte del resto del mondo”. Una mossa, quella statunitense, che ha allarmato esperti e associazioni. «Hanno avuto accesso alla maggior parte delle scorte» di remdesivir, «e quindi non c’è nulla per l’Europa», afferma Andrew Hill, senior visiting reserach fellow della Liverpool University.

Remdesivir è il primo farmaco approvato dalle autorità regolatorie in Usa per il trattamento di coronavirus, è prodotto da Gilead e aiuta le persone a guarire più rapidamente. “Le prime 140mila dosi, fornite per le sperimentazioni farmacologiche in tutto il mondo, sono state esaurite – riferisce Th Guardian – e l’amministrazione Trump ha ora acquistato più di 500mila dosi, che è tutta la produzione di Gilead per luglio e il 90% di agosto e settembre”.

«Il presidente Trump ha raggiunto un accordo straordinario per garantire agli americani l’accesso al primo medicinale autorizzato per Covid-19 – ha dichiarato il segretario Usa alla Salute, Alex Azar –. Per quanto possibile, vogliamo garantire che ogni paziente americano bisognoso di remdesivir può riceverlo. L’amministrazione Trump sta facendo tutto ciò che è in nostro potere per apprendere di più sulle terapie salvavita per il Covid-19 e per assicurare l’accesso a queste opzioni al popolo americano»

. Dunque il Paese avrebbe adottato un approccio America First nella gestione della pandemia, rileva il quotidiano britannico.

Intanto esplodono i contagi negli Usa: oltre 48mila in un giorno. Il 4 luglio “state a casa, evitate gite, feste, assembramenti per i tradizionali fuochi d’artificio”. Questo l’appello delle autorità sanitarie Usa in vista dell’Indipendence Day. Secondo i calcoli del New York Times, nella giornata di martedì si è toccato il record di oltre 48mila nuovi contagi. Un boom a cui hanno contribuito soprattutto otto Stati, che hanno fatto registrare un primato nel numero di casi giornalieri. Tra questi la California (8.100 nuovi casi), la Georgia (2.400) e il Texas (7.900).

E mentre torna a salire la curva dei contagi, precipita al 39% il tasso di popolarità di Donald Trump. Ormai quasi sei americani su dieci, pari al 59% degli intervistati per un sondaggio di Politico/Morning Consult, bocciano l’operato del presidente. Un mese fa, all’inizio di giugno, il 41% approvava Trump, mentre il 55% esprimeva un parere negativo.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Chiuso il caso dell’ex assessore Venturi sulle ambulanze di soli infermieri

Conciliazione tra le parti e transazione. Si chiude così il conflitto tra l'Ordine dei medici…

2 ore ago

L’impatto sulla salute degli infermieri dei turni di 12 ore

Un recente studio è stato condotto per analizzare l'impatto che ha sulla salute mentale degli…

3 ore ago

A chi spetta l’obbligo di iscrizione all’albo infermieri

L’obbligo di iscrizione all’albo infermieri è a carico del datore di lavoro, presso le cui strutture il…

4 ore ago

L’ordine degli infermieri di Napoli diffida l’università Vanvitelli

L’Ordine delle professioni infermieristiche di Napoli ha diffidato formalmente l’Università degli Studi della Campania “Luigi…

4 ore ago

Infermiera vince la causa dopo essersi rifiutata di vaccinarsi contro l’influenza

Si torna a parlare dell'infermiera siciliana si è rifiutata di vaccinarsi contro l’influenza, come stabilito…

5 ore ago