Coronavirus: morta operatrice socio-sanitaria del Cto di Careggi

Il cordoglio di Fp Cgil Firenze: “L’ennesimo prezzo che tutta la comunità sanitaria sta pagando davanti a questa battaglia”


Un’altra donna è caduta lottando in prima linea contro il Coronavirus. Si tratta di Serena, una operatrice socio-sanitaria di 51 anni che lavorava alla traumatologia del Cto dell’ospedale di Careggi.

“Esprimiamo cordoglio, grande dolore e grande rispetto nei confronti di una lavoratrice apprezzata e stimata per la sua professionalità e la sua umanità da tutti i suoi colleghi e colleghe – commenta la Cgil – Purtroppo questa brutta malattia, che tanta sofferenza sta portando dentro e fuori le strutture sanitarie, le ha tolto la vita e l’ha strappata alla sua famiglia, alla quale va la nostra vicinanza”.

Serena si trovava a casa malata ed era seguita dai medici a distanza. La situazione clinica è precipitata pochi giorni fa, sino al decesso avvenuto lo scorso 30 novembre.

Le commemorazioni

Intanto i colleghi di reparto di Serena hanno deciso che osserveranno un minuto di silenzio in ricordo della donna. E cordoglio per l’accaduto è stato espresso dalla direzione dell’ospedale. Anche la Cgil, cui era iscritta Serena, sta preparando alcune iniziative di ricordo e solidarietà.

“La scomparsa di Serena è l’ennesimo prezzo che tutta la comunità sanitaria sta pagando davanti a questa battaglia – aggiunge la Cgil – Una comunità fatta di professioniste e professionisti, ma prima ancora di persone che, pur sapendo di svolgere un lavoro che più di altri li porta a essere esposti, non si sono mai tirate indietro e fino all’ultimo si impegnano con professionalità sul proprio posto di lavoro per assistere i pazienti”.

“Mi unisco sentitamente al cordoglio per la scomparsa di Serena, l’operatrice socio-sanitaria caduta a 51 anni mentre combatteva in prima linea la battaglia contro il Covid – dichiara la consigliera regionale della Lega Elisa Tozzi -.

A lei e a tutte le Oss, le infermiere, i medici e il personale impegnato sul campo, a Careggi come in tutti gli altri ospedali toscani, voglio esprimere con forza, ancora una volta, la mia gratitudine e riconoscenza”.

I dati del Covid a Careggi


Sono 260 i dipendenti dell’azienda ospedaliero universitaria di Careggi risultati positivi al coronavirus tra il 5 ottobre e il 27 novembre scorso, tra cui anche 68 medici, 96 infermieri e 50 operatori socio sanitari.

Cinquantaquattro dei dipendenti positivi al coronavirus era in servizio in area Covid, 191 in aree no-Covid e 15 al pronto soccorso. Tra i reparti più colpiti, quello delle degenza traumatologica, dove si sono registrati 18 casi.

Seguono il pronto soccorso (15 casi) e la chirurgia d’urgenza cardiovascolare e trapianti (11 casi).

Fonte: FirenzeToday

Ultimi articoli pubblicati

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Infermiere specialista nel rischio infettivo: l’Acinetobacter baumannii

Acinetobacter baumannii e rifabutina: il farmaco per la tubercolosi uccide il superbatterio farmaco-resistente. Lo studio…

45 minuti ago

Cellule cancerose vanno in letargo, così resistono alla chemioterapia

Le cellule cancerose sono in grado di ibernarsi quando una minaccia come il trattamento chemioterapico…

2 ore ago

Conseguenze del fumo nei pazienti con Crohn e colite ulcerosa

I pazienti con malattia infiammatoria cronica intestinale (IBD) che fumano sigarette o che le hanno…

3 ore ago

Il suicidio aumenta in pandemia. Chiusa la psichiatria del Fabio Perinei-Ospedale della Murgia.

La psichiatria dell'Ospedale della Murgia ha chiuso da diverse settimane per fare posto a un…

3 ore ago