Coronavirus, nuova ordinanza di Zaia in Veneto: “Comuni chiusi dopo le 14”

In attesa delle disposizioni in arrivo dal Governo, il presidente della Regione ha annunciato un provvedimento che resterà in vigore da domani al 6 gennaio: “Grossa pressione sanitaria. Non possiamo aspettare oltre”.

Da domani, 19 dicembre, e fino al 6 gennaio gli spostamenti tra i comuni in Veneto saranno vietati dopo le 14. Lo ha reso noto il governatore Luca Zaia, annunciando una nuova ordinanza in attesa dei provvedimenti del Governo. I negozi resteranno aperti fino alle 21. Così il presidente della Regione ha raccolto l’appello a restrizioni più severe lanciato anche da Omceo e Opi Verona.

“Ora dobbiamo guardare in faccia la realtà. Qui in Veneto non possiamo aspettare oltre

– ha detto Zaia-. Mi pare di capire che Italia Viva abbia una linea più morbida. Arriverà una misura nazionale superiore per gerarchia e quella del Veneto sarà assorbito. Se verranno adottate le misure di cui si parlava ieri sera, allora le nostre non serviranno. Ma non possiamo arrivare a lunedì senza provvedimenti: è un dato di fatto, la mia non è polemica”.

Il governatore ha proseguito: “Manderò l’ordinanza al ministro Speranza per chiedere formalmente un’intesa. Questa ordinanza ha voluto fino in fondo tutelare le libertà personali, perché non tutelarla significa fare un lockdown. Affrontiamo questo tema in un momento assolutamente dedicato, quello delle feste natalizie”. Zaia ha poi aggiunto che l’ordinanza “non tocca nessun orario e nessuna apertura”.

E ancora: “La nostra ordinanza è un atto di responsabilità davanti ad una situazione con grossa pressione sanitaria. E’ fondamentale coinvolgere i cittadini. Se poi i cittadini dicono che il Covid non esiste, abbiamo un altro problema”.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Risonanza magnetica cardiaca in piena attività anche in emergenza Covid

Malgrado la paura generale a recarsi in ospedale per effettuare gli esami di routine, in…

50 minuti ago

Torino, trapianto di fegato salva la vita a bimba di tre anni: la donatrice (vivente) è la mamma

La piccola, affetta da una rara malattia congenita del fegato, è stata operata all’ospedale Molinette…

3 ore ago

Coronavirus, ecco il farmaco che lo “intrappola” nelle cellule infettate

Si chiama Indolo-3 Carbinolo (I3C) ed è un composto naturale che potrebbe essere utilizzabile come antivirale…

5 ore ago

Tumori, metanalisi dimostra efficacia della combinazione nivolumab-ipilimumab

Il lavoro ha esaminato sette studi condotti fra il 2010 e il 2020 su più…

6 ore ago