Coronavirus, Nursing Up Veneto: “Sbagliato minacciare sanzioni contro sanitari che rifiutano vaccino”

Inutile minacciare sanzioni per medici, infermieri e operatori sanitari che rifiutano il vaccino anti-Covid. L’unica soluzione, in questo caso, è rendere la vaccinazione obbligatoria. Questo il pensiero di Nursing Up Veneto, che prende spunto dalla provocazione di Samanta Grossi, presidente di Opi Treviso, la quale ha suggerito di far lavorare nei reparti Covid gli operatori della sanità che senza valido motivo scelgono di non vaccinarsi.

Ma il sindacato non condivide nemmeno la linea dell’Usl, che ha deciso di segnalare agli Ordini professionali eventuali rifiuti di vaccinazione, così da valutare l’apertura di procedimenti disciplinari per il mancato rispetto delle indicazioni deontologiche, compresa la sospensione.

«Grossi – sostiene il segretario regionale di Nursing Up, Guerrino Silvestrini non si limita a proporre la sua opinione e a dare buone motivazioni per indurre a positivi propositi i suoi associati, ma si lancia oltre l’ostacolo, ipotizzando addirittura punizioni e sanzioni. Ci sembra improprio frustare ancor prima di cercare di comprendere le ragioni di quanti, per timore o per questioni di salute personale, abbiano fatto una scelta pur sempre criticabile, ma che rientra negli ambiti della libertà e volontarietà che le norme legislative acconsentono»

.

Quindi, in riferimento all’Azienda sanitaria: «Il direttore generale lascia poco spazio discrezionale al personale che non ha ancora aderito al programma vaccinale. Ricordiamo che il personale, in tutto il periodo Covid, ha salvaguardato la salute e l’incolumità dei cittadini, anche mettendo a rischio la propria e tappando le falle del sistema sanitario riguardo alla carenza di dispositivi di protezione individuale e alla carenza di personale, senza alcuna remora».

E ancora: «Pur ritenendo le vaccinazioni una grande opportunità di difesa della salute collettiva, ribadiamo come simili affermazioni, che pesano su libertà garantite dalla legge, debbano essere attentamente soppesate per non creare ansie, difficoltà e ulteriori situazioni di disagio. Sarebbe opportuno attendere un’evoluzione della discussione e delle determinazioni su tali tematiche dagli organi preposti a livello nazionale».

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Ex guardia medica: un nuovo numero di telefono per Firenze, Pistoia e Prato

Il numero dedicato attivato dalla ASL Centro sarà necessario per contattare i medici della continuità…

7 ore ago

Un’infermiera accarezza un neonato ricoverato con il Covid, la foto fa il giro del web

Una foto che ritrae la tenerezza di chi mette tutto il suo cuore nel proprio…

7 ore ago

Campagna vaccinale in Toscana, reclutati infermieri e ostetriche per 50 euro all’ora

Visti gli obiettivi di incremento della Campagna Vaccinale determinati da una previsione di consegne di…

8 ore ago

La denuncia di Sposato a Figliuolo: “Uniformare le risorse agli ospedali. Ad Acri 8 infermieri per 15 malati Covid: una vergogna”

Nel giorno dell’arrivo, in Calabria, del commissario per l’emergenza Covid Figliuolo, giunge anche la denuncia…

8 ore ago

Ictus e sanguinamento: monoterapia con rivaroxaban

Di recente è stata pubblicata una sotto-analisi dello studio AFIRE, basato sul confronto della monoterapia…

9 ore ago

Apnee notturne, spot Aai su rischi incidenti stradali e lavoro

Dal 28 marzo in onda su reti Mediaset e dal 2 maggio su la7  Un…

10 ore ago