Coronavirus, per l’Oms è “allerta pandemica”.

Walter Ricciardi: “Non è più possibile bloccare la diffusione del virus. Si può solo cercare di limitare i danni”.

Il coronavirus non si può più fermare. Inquietante, a prima vista, questa affermazione dell’Organizzazione mondiale della sanità. Ma analizziamone il senso. Per l’Oms ci troviamo nella fase 5, definita di “allerta pandemica”. Quella, cioè, nella quale si attua la risposta di contenimento. Gli infetti vengono isolati e i loro contatti tracciati e messi in quarantena. Ma, come è evidente dagli ultimi bollettini, ciò non impedisce al virus di diffondersi: serve soltanto a rallentarne la progressione. «Stiamo già passando alla fase successiva di “mitigazione”, ossia quella di riduzione del danno, visto che non è più possibile bloccare la diffusione del virus», spiega Walter Ricciardi, rappresentante italiano nell’Executive Board dell’Oms e consulente del ministero della Sanità, Roberto Speranza. L’incontrollabilità del virus è la premessa per la definizione di pandemia (letteralmente pan-demos, “tutto il popolo”). L’infezione, cioè, colpisce ormai tanti Paesi diversi e rappresenta una minaccia concreta per la salute dei cittadini di tutto il mondo. Per dichiarare questo stato, l’Oms ormai attende solo gli ultimi dati provenienti da Africa e America Latina, le ultime aree a essere interessate dal fenomeno. Cos’è invece un focolaio? Si verifica quando una malattia infettiva causa un aumento improvviso di contagi all’interno di un’area ben circoscritta. È in sostanza ciò che è successo in Lombardia
e Veneto, dove due focolai distinti hanno rappresentato l’innesco per la deflagrazione del virus in tutto il Paese nei giorni successivi. Le autorità sanitarie hanno reagito seguendo i protocolli, isolando le zone interessate e gli infetti, e mettendo in quarantena tutti gli altri. Queste azioni servono a ridurre il più possibile la curva epidemica, allo scopo di alleggerire il peso sostenuto dal sistema sanitario e guadagnare tempo utile per la realizzazione di vaccini e terapie specifiche. Laddove il livello di contagiosità del virus lo permetta, è possibile che la fase di contenimento porti anche alla fine dell’emergenza. È quanto successo in Africa per Ebola, virus che ha una mortalità altissima (50%), ma per fortuna una capacità di trasmissione molto più bassa. Non è il caso del nuovo coronavirus, che mostra al contrario un tasso di letalità molto più contenuto (circa il 3,5%) – anche se molto più alto di quello dell’influenza stagionale – e una capacità di trasmissione molto più alta. Quando la trasmissione del virus diventa diffusa e non esiste più un vero e proprio focolaio si deve parlare di epidemia, ciò che sta avvenendo in questi giorni in Italia. Redazione Nurse Times Fonte: ItaliaSalute.it Segui l’evoluzione dell’epidemia in tempo reale  
Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Riconoscimento precoce dell’aggravamento del paziente pediatrico: PEWS

Il riconoscimento precoce dell’aggravamento del paziente pediatrico è un obiettivo fondamentale dell’assistenza in pediatria. Vari…

8 ore ago

Sanità Emilia Romagna. Al via la mobilitazione nelle aziende del SSR contro il calo del salario

Raccolta firme Emilia Romagna. Al via la mobilitazione nelle aziende del SSR contro il  calo…

10 ore ago

Una storia molto triste, testimonianze di infermieri

"A casa sarei peggiorata fino a morire, lo so che non vedrò più mio marito…

11 ore ago

Risonanza magnetica cardiaca in piena attività anche in emergenza Covid

Malgrado la paura generale a recarsi in ospedale per effettuare gli esami di routine, in…

12 ore ago

Torino, trapianto di fegato salva la vita a bimba di tre anni: la donatrice (vivente) è la mamma

La piccola, affetta da una rara malattia congenita del fegato, è stata operata all’ospedale Molinette…

14 ore ago