Coronavirus, procedura per l’infortunio degli infermieri.

Di seguito una nota redatta dal direttivo dell'Associazione avvocatura degli infermieri. A seguito di una info del 12 marzo dell’Associazione avvocatura degli infermieri nella quale…

Di seguito una nota redatta dal direttivo dell’Associazione avvocatura degli infermieri.

A seguito di una info del 12 marzo dell’Associazione avvocatura degli infermieri nella quale si insisteva che l’infezione COVID-19, in regime di attività lavorativa, era da considerarsi infortunio e non malattia, il 15 marzo, con prot. US/152.20, l’Associazione ha chiesto, con urgenza, al direttore generale dell’INAIL, che si pronunciasse sull’istituto da applicare agli infermieri contagiati da COVID, perché questa Associazione non riteneva giusto che si applicasse la malattia invece dell’infortunio (leggete la richiesta per vedere che differenza c’è tra infortunio e malattia). Con circolare del 18 marzo, l’INAIL ha ritenuto valida l’esegesi dell’Associazione avvocatura degli infermieri e ha stabilito quanto segue:
  • che anche l’infezione virale è da considerarsi causa violenta come da definizione legale di infortunio (esattamente come aveva dedotto l’Associazione Avvocatura Degli Infermieri nella richiesta, citando anche sentenze di Cassazione che la stessa INAIL riporta specular- mente e accoglie fondando la richiesta);
  • che il nesso causale, indispensabile per ottenere la tutela INAIL, è presunto e si deduce dal- le stesse mansioni svolte dal lavoratore e dalla sua assegnazione di servizio (si tratta di praesumptio iuris tamtum e non iuris et de iure) e quindi è come se fosse tabellata (esattamente quanto richiesto nell’istanza dell’Associazione Avvocatura Degli Infermieri);
  • si obbliga il medico di base a redigere la denuncia di infortunio su semplice richiesta del lavoratore. Il lavoratore dovrà trasmettere anche via pec, al datore di lavoro, la copia di de- nuncia rilasciata dal medico di base denominata “copia per il datore di lavoro”;
  • NON è infortunio se si è semplicemente in isolamento/quarantena preventiva senza mani- festazione dei sintomi e non si ha la prova di essere infetti (è malattia INPS);
  • è infortunio se si è in isolamento/quarantena positiva con esito positivo del tampone (se è negativo è influenza e quindi malattia INPS);
  • è infortunio se ci si infetta durante l’itinere casa-lavoro e viceversa (come già prevede il D.P.R. 30 giugno 1965 n. 1124).Si ritiene, quindi, che il datore abbia l’obbligo di effettuare il tampone quando dispone l’isolamento (combinati disposti di cui agli artt. 1175, 1218, 1228, 1375, 2087 C.C.); di- versamente si ostacolerebbe il diritto del lavoratore alla tutela antinfortunistica e all’even- tuale equo indennizzo (oltre agli effetti sul comporto e sulla visita fiscale).
SIAMO STATI CON LE MANI IN MANO? Direttivo Aadi   Segui l’evoluzione dell’epidemia in tempo reale
Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

USA: nasce bimba da embrione congelato 28 anni fa

Una bambina in Tennessee è nata da un embrione congelato nel mese di ottobre del…

6 ore ago

San Benedetto: cattiva gestione del Pronto Soccorso

L'Opi di Ascoli denucia alla Procura della Repubblica la cattiva gestione del Pronto soccorso e…

6 ore ago

Arianna Armenti presenta la sua tesi di laurea in infermieristica

Continua il grande successo editoriale di Nurse Times (testata giornalistica sanitaria gestita da infermieri), punto…

7 ore ago

Idrossiclorochina può provocare disturbi psichiatrici

L'utilizzo di clorochina o idrossiclorochina, farmaci utilizzati contro il Covid-19 soprattutto nella prima fase dell'emergenza,…

7 ore ago

Giornata internazionale delle persone con disabilità

Il 3 dicembre è la giornata internazionale delle persone con disabilità, un giorno istituito, nel…

7 ore ago

Proroga contratti Oss nella Asl Bat: nessuna indicazione dalla regione

BARLETTA – Il sit di protesta, in programma domani mattina davanti alla sede della Asl…

8 ore ago