Coronavirus, seconda ondata: meno decessi, ma più ricoveri

Lo rivelano i nuovi dati dell’Osservatorio nazionale sulla salute nelle regioni italiane.

L’Osservatorio nazionale sulla salute nelle regioni italiane ha diffuso i dati relativi all’emergenza coronavirus, aggiornati al 24 ottobre.

Innanzitutto i decessi. In questo inizio di seconda ondata risultano ridotti rispetto alla prima (febbraio-marzo), quando il numero aumentava quotidianamente del 4,6%, mentre. Tra settembre e ottobre, invece, l’incremento si è attestato allo 0,13%. Una riduzione dovuta sia alla maggiore capacità di cura sia a una popolazione meno fragile. Questa ultima considerazione è legata al fatto che nella prima fase sono decedute le persone più anziane, meno resistenti al virus, ma anche alla probabile diminuzione della popolazione suscettibile.

La curva dei contagi, tuttavia, ha assunto di nuovo un andamento esponenziale, suscitando la preoccupazione che possa di nuovo aumentare la pressione sulle strutture ospedaliere, in particolare nelle terapie intensive.

Alcune regioni sono da “codice rosso”, registrando un aumento dei ricoveri in ospedale e nelle terapie intensive molto alto, se confrontato con quello della fase acuta registrata in aprile: Campania (ricoveri più che raddoppiati: +2,4; terapie intensive: +88%), Lazio (ricoveri: +1,3; terapie intensive: +82%), Sardegna (ricoveri: +2,5; terapie intensive: +126%), Sicilia (ricoveri e terapie intensive +1,3).

Da “codice giallo” sono invece: Abruzzo (+71,6% di ricoveri in ospedale e +25,3% nelle terapie intensive rispetto ad aprile), Friuli Venezia Giulia (+54,4% e +38,3%), P.A. Bolzano (+54,6% e +19,3%), Calabria (+73,6% e +62,5%), Molise (+62,5% e +25%), Piemonte (+50,9% e +20,8%), Toscana (+63,8% e +37,4%), Liguria (+62,5% e +22,9%), Valle d’Aosta (+74,1% e +7,4%).

“È importante migliorare la capacità di tracciamento dei contagi, per evitare il più possibile che gli asintomatici possano trasmettere in maniera inconsapevole il virus, come accaduto nella prima fase della pandemia”, dichiara Alessandro Solipaca, direttore scientifico dell’Osservatorio.

“Rispetto alla diffusione del contagio – afferma Walter Ricciardi, direttore dell’Osservatotrio – è stato molto grave che, nella prima fase, in 700mila circa siano ‘sfuggiti’ alla diagnosi, pur presentando sintomi riconducibili al virus. Ciò ha favorito sicuramente molti contagi che si sarebbero potuti evitare con un confinamento fiduciario”.

L’indagine sierologica condotta da Istat e Iss rivela infatti che il 66% dei positivi ha dichiarato di aver accusato sintomi riconducibili al virus. In particolare, il numero stimato di persone con anticorpi e sintomi era pari a 981mila, mentre alla data del 27 luglio i contagiati totali registrati erano 246mila, cioè oltre 700mila in meno.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Ex guardia medica: un nuovo numero di telefono per Firenze, Pistoia e Prato

Il numero dedicato attivato dalla ASL Centro sarà necessario per contattare i medici della continuità…

7 ore ago

Un’infermiera accarezza un neonato ricoverato con il Covid, la foto fa il giro del web

Una foto che ritrae la tenerezza di chi mette tutto il suo cuore nel proprio…

7 ore ago

Campagna vaccinale in Toscana, reclutati infermieri e ostetriche per 50 euro all’ora

Visti gli obiettivi di incremento della Campagna Vaccinale determinati da una previsione di consegne di…

7 ore ago

La denuncia di Sposato a Figliuolo: “Uniformare le risorse agli ospedali. Ad Acri 8 infermieri per 15 malati Covid: una vergogna”

Nel giorno dell’arrivo, in Calabria, del commissario per l’emergenza Covid Figliuolo, giunge anche la denuncia…

8 ore ago

Ictus e sanguinamento: monoterapia con rivaroxaban

Di recente è stata pubblicata una sotto-analisi dello studio AFIRE, basato sul confronto della monoterapia…

8 ore ago

Apnee notturne, spot Aai su rischi incidenti stradali e lavoro

Dal 28 marzo in onda su reti Mediaset e dal 2 maggio su la7  Un…

10 ore ago