Coronavirus, verso il via libera ai test rapidi per chi rientra dall’estero

Si tratta di tamponi che danno una risposta in circa 20 minuti. Il ministero della Salute potrebbe renderlo obbligatorio in aeroporti, porti, stazioni e frontiere terrestri.

Sottoporre a test rapidi chi rientra in Italia da viaggi all’estero. Questa la soluzione al vaglio del Comitato tecnico-scientifico per contrastare l’aumento di casi di coronavirus registrato negli ultimi giorni in alcune zone d’Italia (vedi Puglia ed Emilia Romagna).

In pratica si tratta di tamponi che forniscono una risposta in circa 20 minuti. A quanto si apprende, qualora ne venisse individuato uno affidabile (con attendibilità oltre l’attuale 70%) e per il quale ci possa essere un’adeguata fornitura, il ministero della Salute adotterebbe un provvedimento ad hoc per eseguirlo sui viaggiatori negli aeroporti, ma anche nei porti, nelle stazioni e alle frontiere terrestri. Le autorità sanitarie rimarcano però che le misure principali contro il Covid-19 restano i blocchi, la quarantena per chi proviene da Paesi a rischio, oltre, ovviamente, all’utilizzo della mascherina, al distanziamento fisico e al lavaggio frequente delle mani.

L’ipotesi di adottare test rapidi per verificare in pochi minuti la positività o meno dei viaggiatori, nell’ottica di scongiurare l’esplodere di nuovi focolai, trova concordi gli scienziati dell’Istituto Spallanzani di Roma, che tuttavia pongono questioni di ordine pratico. “Ancora non abbiamo uno strumento sicuramente efficace per lo screening rapido per il Covid – spiega il direttore scientifico Giuseppe Ippolito. I test rapidi sono entrati nella pratica perché possono essere eseguiti in tempi estremamente brevi e perché permettono di avere un’informazione. Non sono l’optimum, in quanto dipendono dal momento in cui si ha l’infezione. Ma l’ottimo è nemico del buono, e noi dobbiamo continuare a usare tutti gli strumenti a nostra disposizione”.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Riconoscimento precoce dell’aggravamento del paziente pediatrico: PEWS

Il riconoscimento precoce dell’aggravamento del paziente pediatrico è un obiettivo fondamentale dell’assistenza in pediatria. Vari…

1 ora ago

Sanità Emilia Romagna. Al via la mobilitazione nelle aziende del SSR contro il calo del salario

Raccolta firme Emilia Romagna. Al via la mobilitazione nelle aziende del SSR contro il  calo…

3 ore ago

Una storia molto triste, testimonianze di infermieri

"A casa sarei peggiorata fino a morire, lo so che non vedrò più mio marito…

4 ore ago

Risonanza magnetica cardiaca in piena attività anche in emergenza Covid

Malgrado la paura generale a recarsi in ospedale per effettuare gli esami di routine, in…

5 ore ago

Torino, trapianto di fegato salva la vita a bimba di tre anni: la donatrice (vivente) è la mamma

La piccola, affetta da una rara malattia congenita del fegato, è stata operata all’ospedale Molinette…

7 ore ago