Categorie: Massimo Randolfi

Corso FAD Fnopi “La simulazione in infermieristica: introduzione ed elementi generali”

E’ on line il corso FAD disponibile su www.fadinmed.it Il corso sulla simulazione in infermieristica è stato realizzato dalla FNOPI in collaborazione con la Società…

E’ on line il corso FAD disponibile su www.fadinmed.it

Il corso sulla simulazione in infermieristica è stato realizzato dalla FNOPI in collaborazione con la Società Italiana di Simulazione in Medicina (SIMMED).

La simulazione consente di sostituire e amplificare le esperienze reali con esperienze che evocano o replicano aspetti sostanziali del mondo reale; in una maniera completamente interattiva.

Dunque, la tecnica della simulazione rappresenta e rappresenterà sempre di più in prospettiva, con l’evoluzione delle tecnologie disponibili, uno strumento fondamentale sia per la formazione dell’operatore sanitario; sia per la sicurezza del paziente e dell’operatore sanitario.

Si tratta di un corso di primo livello, che introduce un inquadramento della simulazione in medicina; a metodologie e strumenti didattici e alla simulazione in pratica.

Destinatari sono gli infermieri e gli infermieri pediatrici.

La formazione è centrata su 3 moduli ciascuno composto da video e presentazioni collegati a casi di pratica e questionari ECM.

L’obiettivo formativo nazionale è l’Innovazione tecnologica:

  • valutazione,
  • miglioramento dei processi di gestione delle tecnologie biomediche, chimiche, fisiche e dei dispositivi medici.
  • Health Technology Assessment.

La simulazione è una tecnica che consente di sostituire e amplificare le esperienze reali con esperienze che evocano o replicano aspetti sostanziali del mondo reale in una maniera completamente interattiva.

Al termine del corso l’infermiere conoscerà i principi base della simulazione, sarà in grado di comprenderne le varie fasi e di partecipare con competenza ad attività di simulazione in ambito infermieristico.

Il corso ha la durata di 7 ore e dà 7 crediti formativi.

Responsabile scientifico è il presidente dell’OPI di Perugia, Palmiro Riganelli. Il corso non ha sponsor e rientra nel piano di formazione indipendente del Provider Zadig.

La FNOPI ha anche dedicato un ebook alla “Formazione in simulazione: raccomandazioni per una buona pratica” (scaricabile a questo link).

Illustrando i passaggi necessari per applicare la metodologia della formazione in simulazione in modo integrato anche per sostenere i professionisti sanitari e non; nello sviluppo delle proprie competenze per ottenere i migliori risultati per le persone assistite.

Scopo principale è riprodurre situazioni e ambienti di cura realistici, per insegnare procedure diagnostiche e terapeutiche, ripetere processi e concetti medici, assumere decisioni da parte di un professionista della sanità o di un team di professionisti.

Gli obiettivi principali sono la “sicurezza” delle persone e la definizione di uno standard qualitativo assistenziale dominato dalla “cultura della sicurezza”.

Le strategie per raggiungere questi obiettivi sono il miglioramento delle abilità operative tecniche (technical skill) e delle capacità comunicativo-relazionali, la consapevolezza della situazione, la capacità di leadership e team work degli operatori sanitari (non- technical skill e human factor).

La gestione del rischio clinico è un processo che richiede una crescita della cultura della sicurezza.

In sanità  l’errore è fonte di rischio, ma è anche una risorsa di apprendimento: la simulazione favorisce questa modalità e consente di costruire un ‘bagaglio di errori’ da cui attingere; senza causare danni, operando in sicurezza e senza rischi per il paziente, contribuendo a portare l’operatore verso un cambiamento positivo dei propri atteggiamenti.

E’ assolutamente necessario innescare un processo per ottenere, attraverso la formazione, miglioramenti reali nell’agire professionale quotidiano e per questo tutti gli elementi che caratterizzano la simulazione consentono un approccio più favorevole e di sviluppare competenze relazionali ed emotive che altrimenti verrebbero lasciate all’individualità del singolo professionista e al background dell’esperienza che questo è in grado di esprimere.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Coronavirus, il vaccino che verrà: la parola agli esperti

Sul tema si sono espressi Giuseppe Ippolito, Matteo Bassetti, Alberto Mantovani e Franco Locatelli. "Chi…

18 minuti ago

Torvaianica, papa Francesco dona vaccini e tamponi a trans e homeless

Nuovo gesto di solidarietà del pontefice verso i bisognosi della cittadina sul litorale romano. La…

47 minuti ago

De Palma (Nursing Up): “Nessun passo indietro sull’indennità specifica degli infermieri”

Il leader del sindacato ha scritto al presidente della Commissione Bilancio della Camera, Fabio Melilli.…

1 ora ago

Torino, concorso farsa per “piazzare” la figlia dell’ex professore: 6 medici rischiano il processo

Scandalo all'Università di Torino. Secondo l'accusa, gli indagati avrebbero predisposto un bando di gara ad…

2 ore ago

Vaccinazione operatori sanitari, Andreula (Opi Bari) sul presunto obbligo in Puglia: “Sanzione di 500 euro? Minaccia inacettabile”

Il presidente dell'Ordine provinciale degli infermieri è tornato sullo spinoso argomento nel corso di un…

2 ore ago

Coronavirus: morta operatrice socio-sanitaria del Cto di Careggi

Il cordoglio di Fp Cgil Firenze: “L’ennesimo prezzo che tutta la comunità sanitaria sta pagando…

2 ore ago