Costretta a continui doppi turni: oss prossima alla pensione muore sul lavoro

La carenza di personale e i costanti tagli alla sanità mietono vittime non solo tra i pazienti, ma anche tra gli operatori sanitari.

Un’operatrice sociosanitaria di 61 anni, dipendente degli Ospedali Riuniti di Anzio e Nettuno da 27 anni, non ha retto: durante uno dei tanti doppi turni che obbligatoriamente devono svolgere infermieri e oss, ha accusato un grave malore. La donna avrebbe perso conoscenza in reparto. Immediatamente rianimata e intubata, è stata trasferita al San Camillo di Roma dove è deceduta poco dopo a causa della rottura di un’aneurisma cerebrale.

L’operatrice soffriva di numerosi problemi di salute ed era rientrata da poco al lavoro dopo un periodo di malattia. Sarebbe andata in pensione tra meno di un anno. Il suo compagno, anche lui dipendente dello stesso nosocomio, ha accusato un malore poco dopo aver ricevuto la notizia. Si trova attualmente ricoverato.

La carenza di personale e i costanti tagli alla sanità, dunque, mietono ancora vittime. Tra queste, non solo i pazienti ma anche gli operatori sanitari, costretti a effettuare turni disumani e contrari alle più elementari normative in materia di orario di lavoro. Immediata la protesta dei colleghi della oss deceduta: sconvolti per l’accaduto, hanno denunciato l’azienda ospedaliera attraverso il proprio sindacato per il continuo ricorso a ordini di servizio che prevedono l’effettuazione di doppi turni.

Personale sottostimato e avanti con l’età, insomma. “Siamo continuamente costretti a turni massacranti – hanno rivelato alcuni dipendenti della clinica laziale –. Ci sottopongono a doppi turni praticamente sempre e non ci fanno fare i tripli turni solo perché la legge li vieta espressamente. Ci sono milioni di cose da fare, tantissime persone da assistere. La situazione è logorante”.

Simone Gussoni

 

Dott. Simone Gussoni

Il dott. Simone Gussoni è infermiere esperto in farmacovigilanza ed educazione sanitaria dal 2006. Autore del libro "Il Nursing Narrativo, nuovo approccio al paziente oncologico. Una testimonianza".

Leave a Comment
Share
Published by
Dott. Simone Gussoni

Recent Posts

Riconoscimento precoce dell’aggravamento del paziente pediatrico: PEWS

Il riconoscimento precoce dell’aggravamento del paziente pediatrico è un obiettivo fondamentale dell’assistenza in pediatria. Vari…

3 minuti ago

Sanità Emilia Romagna. Al via la mobilitazione nelle aziende del SSR contro il calo del salario

Raccolta firme Emilia Romagna. Al via la mobilitazione nelle aziende del SSR contro il  calo…

2 ore ago

Una storia molto triste, testimonianze di infermieri

"A casa sarei peggiorata fino a morire, lo so che non vedrò più mio marito…

3 ore ago

Risonanza magnetica cardiaca in piena attività anche in emergenza Covid

Malgrado la paura generale a recarsi in ospedale per effettuare gli esami di routine, in…

4 ore ago

Torino, trapianto di fegato salva la vita a bimba di tre anni: la donatrice (vivente) è la mamma

La piccola, affetta da una rara malattia congenita del fegato, è stata operata all’ospedale Molinette…

6 ore ago