Covid-19, a caccia di pipistrelli per scoprire l’origine del virus

Alcuni scienziati si avventurano nelle grotte per studiare gli animali che probabilmente hanno dato il via alla pandemia.

La battaglia per arginare il coronavirus non si combatte solo nei laboratori. Come racconta la Cnn, esistono scienziati che, protetti da tute a prova di qualsiasi contatto e contagio, si avvinturano nelle grotte a caccia di pipistrelli per studiarli. Sì, perché sono stati questi animali, con ogni probabilità, ad originare il virus che negli uomini si evolve in Covid-19. Gliesperti ricordano infatti che due coronavirus dei pipistrelli condividono l’88% della sequenza genetica del Sars-Cov-2. Per la precisione, condivide circa il 79% della sua sequenza genetica con la Sars e il 50% con la Mers. Si ipotizza che la trasmissione non sia avvenuta direttamente da pipistrelli all’uomo, ma che vi sia un altro animale ancora da identificare che ha agito come una specie di trampolino di lancio per trasmettere il virus all’uomo: un piccolo mammifero, per esempio. Gli scienziati in questione catturano i mammiferi e ne analizzano sangue, urine e feci, come ha raccontato Peter Daszak, che presiede EcoHealth Alliance, una Ong americana specializzata nella rilevazione di nuovi virus e prevenzione della pandemia. Un lavoro che in questi mesi di emergenza sanitaria globale sembra ancora più importante. Specie se si pensa che sono stati raccolti “15mila campioni”, con l’identificazione di circa 500 nuovi coronavirus animali. Nel 2009 è stata fondata Predict
, finanziata dall’agenzia Usa per lo Sviluppo internazionale, sotto la guida dell’Università della California Davis, insieme a EcoHealth Alliance, Smithsonian Institution, Wildlife Conservation Society e Metabiota, una società californiana che ha sviluppato un tracker epidemico. L’iniziativa aveva il compito di identificare e rispondere alle nuove malattie zoonotiche, inclusi i coronavirus, prima che si diffondessero nell’uomo. Quando emerse il Covid-19, Shi Zhengli, un virologo dell’Istituto di Virologia di Wuhan (la città cinese focolaio dell’epidemia), lo confrontò con i campioni presenti nel database e scoprì che Sars-Cov-2 aveva un match di abbinamento con “un campione prelevato da un pipistrello horseshoe in una grotta nello Yunnan nel 2013 per il 96,2%”. Da qui l’ipotesi che quel virus potesse essere l’antenato di Sars-Cov-2. Redazione Nurse Times Aggiornamenti in tempo reale sull’epidemia in Italia Aiutateci ad aiutarvi
 
Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Ex guardia medica: un nuovo numero di telefono per Firenze, Pistoia e Prato

Il numero dedicato attivato dalla ASL Centro sarà necessario per contattare i medici della continuità…

5 ore ago

Un’infermiera accarezza un neonato ricoverato con il Covid, la foto fa il giro del web

Una foto che ritrae la tenerezza di chi mette tutto il suo cuore nel proprio…

5 ore ago

Campagna vaccinale in Toscana, reclutati infermieri e ostetriche per 50 euro all’ora

Visti gli obiettivi di incremento della Campagna Vaccinale determinati da una previsione di consegne di…

6 ore ago

La denuncia di Sposato a Figliuolo: “Uniformare le risorse agli ospedali. Ad Acri 8 infermieri per 15 malati Covid: una vergogna”

Nel giorno dell’arrivo, in Calabria, del commissario per l’emergenza Covid Figliuolo, giunge anche la denuncia…

6 ore ago

Ictus e sanguinamento: monoterapia con rivaroxaban

Di recente è stata pubblicata una sotto-analisi dello studio AFIRE, basato sul confronto della monoterapia…

7 ore ago

Apnee notturne, spot Aai su rischi incidenti stradali e lavoro

Dal 28 marzo in onda su reti Mediaset e dal 2 maggio su la7  Un…

8 ore ago