Decreto Lorenzin e oss nell’area socio-sanitaria: chiarimenti

Non cambia il rapporto giuridico con la figura dell'infermiere 

Non cambia il rapporto giuridico con la figura dell’infermiere

Dopo l’approvazione in Senato del Decreto Lorenzin, si è assistito a un tamtam di considerazioni che a volte danno luogo a una serie di fraintendimenti, soprattutto di natura giuridica. Chiariamo cosa c’è di nuovo e cosa cambia nella definizione delle professioni per quanto concerne gli operatori sociosanitari.

Gli oss sono passati dal ruolo tecnico all’area socio-sanitaria. Premetto che si tratta di una ricollocazione assolutamente legittima, vista la natura stessa della qualifica. Tuttavia questo non vuol dire che il rapporto giuridico tra infermiere e oss sia cambiato. Gli oss hanno ottenuto un inquadramento contrattuale congruo e appropriato, come è giusto che sia. Cosa che, tra l’altro, dovremmo ottenere noi infermieri, dovendo essere collocati come professionisti sanitari, quindi laureati, in un’area di contrattazione separata, non di certo nel calderone comparto. Ciò, senza dubbio, accadrà, anche in seguito alle spinte, seppur ancora troppo deboli, che vengono da tutta la categoria.

Detto questo, senza voler intralciare le velleità di nessuno, si ribadisce che il rapporto giuridico tra infermiere ed oss rimane invariato. Come da normativa vigente, il DM 739 individua l’infermiere come unico responsabile dell’assistenza generale infermieristica

e come unica figura che valuta, pianifica e attribuisce all’oss i compiti che rientrano nella sua sfera di competenze. Si evince come non sia cambiato nulla per quanto riguarda gli ambiti di autonomia dell’oss.

Ex-lege, l’unico responsabile dell’assistenza infermieristica è il professionista infermiere, che possiede un titolo accademico abilitante e l’iscrizione a un ordine professionale. Il rapporto tra infermieri e oss rimane, per legge, un rapporto gerarchico, tant’è che la collocazione degli infermieri nel comparto risulta impropria e obsoleta rispetto alla definizione giuridica e del profilo professionale dell’infermiere.

Un’incongruenza che dovrà essere superata e sanata, ma che non si otterrà senza lo sforzo di tutti verso l’acquisizione di una nuova consapevolezza che passi dalla rivalutazione della nostra figura. In buona sostanza, dobbiamo renderci edotti e consapevoli della nostra posizione e iniziare, una volta per tutte, a dare forza e compattezza al valore intrinseco che la nostra professione possiede.

 

Anna Di Martino

www.senato.it

www.ipasvi.it

 

Anna Di Martino

Infermiera Strumentista, attualmente nella specialità di cardiochirurgia, Autore per Nurse Times, Master in Coordinamento, Master "Strumentista di so", studentessa magistrale presso UNICH, rappresentante di sezione regione Abruzzo per la Società scientifica ANIPIO

Leave a Comment
Share
Published by
Anna Di Martino

Recent Posts

Covid-19, muore infermiere 59enne: la terapia intensiva porterà il suo nome

È morto questa mattina a causa del Covid-19 Sergio Bonazzi, infermiere in servizio presso il…

3 ore ago

Ginecologia e resistenza agli antibiotici: l’utilità dei probiotici

In ambito ginecologico la resistenza agli antibiotici crea numerosi problemi. Gli antibiotici vengono prescritti in…

8 ore ago

Hiv e Aids, i dati Iss sulle nuove diagnosi in Italia nel 2019

Pubblicati i dati Iss sulle nuove diagnosi di infezione da HIV e dei casi di…

9 ore ago

IG-IBD – Malattie infiammatorie croniche intestinali, il bilancio del 2020

Considerevoli i ritardi diagnostici, ma aumentano le opzioni terapeutiche “Anche in caso di sintomi evidenti…

9 ore ago

ASP Cosenza: concorso pubblico per infermieri

In esecuzione della deliberazione del Commissario Straordinario dell'ASP di Cosenza n. 1193 del 25/11/2020 è…

10 ore ago

Infarto, bypass e angioplastica: dove operarsi?

I ricoveri per infarto miocardico acuto sono calati del 7,6% tra il 2012 e il…

10 ore ago