Denominazione “Infermeire” utilizzata nel manifesto di film pornografici: Adi diffida la società Digisat

L’associazione “Avvocatura degli Infermieri” ha diffidato la società Digisat in seguito all’utilizzo della denominazione “Infermiere” in un manifesto pubblicitario relativo ad una serie di film…

L’associazione “Avvocatura degli Infermieri” ha diffidato la società Digisat in seguito all’utilizzo della denominazione “Infermiere” in un manifesto pubblicitario relativo ad una serie di film pornografici.

Riportiamo di seguito il documento integrale firmato dal presidente dott. Mauro Di Fresco.

Oggetto: diffida – rimozione inserto pubblicitario pornografico – lesione professionale – art. 2043 C.C.

Spett. Digisat,
ai sensi dell’art. 2043 C.C. e dello Statuto associativo regolarmente approvato dal Ministero competente per le funzioni di tutela legale nazionale della professione infermieristica e ostetrica, faccio seguito alla segnalazione pervenuta dal nostro segretario provinciale e, pertanto, La diffido dal diffondere inserzioni pubblicitarie di natura pornografica che riguardano le professioni suddette, perché Le ritengo gravemente lesive dell’onore e della professionalità della categoria infermieristica, tanto dimostrata soprattutto durante l’emergenza COVID-19.

Non può tollerarsi che la comunità italiana, appena colpita da innumerevoli infettati e decessi da COVID, vedendo la Vs. inserzione, possa rimandare alla mente le infermiere, non come professioniste laureate dedicate alla cura dei malati, ma come squallide ninfomani specializzate nelle varie discipline sessuali.

Se una donna intende vestirsi da infermiera per eccitare il partner è affar suo, ma non è possibile accettare la mortificazione e l’umiliazione della categoria sanitaria che ha salvato e salva tuttora la vita di migliaia di persone.

Per tale motivo, senza per nulla dilungarmi sulla questione anche sul piano femminista, inteso come rispetto della sessualità che appare svilente, La invito, gentilmente, a rimuovere l’inserzione, come rappresentata in seconda pagina, con avvertenza che, in difetto di quanto sopra, la scrivente adirà le vie legali senza ulteriore preavviso.

Si auspica un significativo riscontro.

Il Presidente
Dott. Mauro Di Fresco

In risposta, la società Digisat, comunica di ritenersi estranei ai fatti.
Dott. Simone Gussoni

Il dott. Simone Gussoni è infermiere esperto in farmacovigilanza ed educazione sanitaria dal 2006. Autore del libro "Il Nursing Narrativo, nuovo approccio al paziente oncologico. Una testimonianza".

Leave a Comment
Share
Published by
Dott. Simone Gussoni

Recent Posts

Rinnovo Opi Firenze – Pistoia: il Tar dichiara inammissibile il ricorso presentato dalla lista “Ordine cambia stile”

Rinnovo degli organi direttivi dell'Opi Firenze - Pistoia: il Tar Toscana dichiara inammissibile per difetto…

7 ore ago

Infermieri: avviso di selezione urgente presso il “Riuniti” di Foggia

Avviso di selezione - Urgente per Sars-Cov 2 - per Infermieri presso l'A.O.U. "Ospedale Riuniti"…

8 ore ago

Muore un volontario del vaccino anti-Covid, ma non aveva ancora ricevuto la dose

Un volontario nella sperimentazione brasiliana del vaccino sperimentale contro il coronavirus di AstraZeneca è morto.…

11 ore ago

Superlieviti e farine di grani speciali, ecco la ricetta per il “pane della salute”

Gli ingredienti, oggetto di uno studio specifico, sono stati selezionati nei laboratori delle Università di…

12 ore ago

Neonata positiva al Covid abbandonata in ospedale a Palermo

Anna, sei mesi, positiva al Covid-19, sola. La donna, una rom, che l’ha portata al…

13 ore ago