Moreno Morello, inviato del tiggì satirico, ha parlato col presidente Fnomceo, Filippo Anelli, del professionista sospeso perché non in regola con i crediti ECM.

Anche il tiggì satirico Striscia la Notizia ha dato spazio al caso – il primo in Italia – del dentista sospeso per sei mesi dall’Ordine di Aosta perché non in regola con i crediti formativi obbligatori. Se n’è occupato l’inviato Moreno Morello, che ha ironizzato sul sistema ECM e sulle proroghe concesse negli anni a medici e odontoiatri che non hanno raccolto i 150 crediti necessari a triennio.

Morello ne ha anche parlato con Filippo Anelli, presidente Fnomceo, il quale ha imputato la mancata formazione due fattori: la carenza di personale medico nel Sistema sanitario nazionale, che impedirebbe le turnazioni necessarie a consentire di assentarsi dal lavoro per frequentare corsi e congressi; i problemi di bilancio che hanno indotto le Asl ad attivare tagli sulla formazione dei loro dipendenti.

Ciononostante, Anelli ha stimato che l’80 percento dei medici avrà assolto al debito formativo entro la fine del 2019. Il presidente Fnomceo ha inoltre ricordato che dal 1° gennaio 2020 scatteranno le sanzioni per chi non assolve all’obbligo della formazione continua, valutate dall’apposita commissione dell’Ordine di appartenenza. Sanzioni che potranno consistere, in ordine crescente di severità, in un semplice avvertimento, nella censura, nella sospensione o addirittura nella radiazione.

Redazione Nurse Times