Ha finalmente un nome ed un volto la persona che ha salvato la vita a Calogero Farruggia.

La donna che ha rianimato l’uomo che, mercoledì mattina è crollato al suolo a causa di un malore nei pressi di Follonica, è un’infermiera del Pronto Soccorso di Massa Marittima.

Si tratta di Elena Ciurli, professionista con oltre 30 anni di esperienza. Si è diplomata nel 1985. Dal 1988 fino al 2001 ha lavorato in Ortopedia a Massa Marittima per poi trasferirsi in Pronto Soccorso, dove presta attualmente servizio.

Quel mercoledì si trovava per le strade di Follonica quando, giungendo in via Colombo, ha notato una persona in difficoltà:

Mi sono trovata davanti il signore a terra privo di coscienza. Era presente un uomo che aveva già provveduto ad allertare il 118, ed una ragazza.”

Compresa la gravità della situazione, Elena Ciurli ha immediatamente iniziato le manovre di rianimazione cardiopolmonare:

Mi sono avvicinata e ho cominciato le compressioni toraciche. Poi un altro signore mi ha dato il cambio per alcuni istanti.

Infine ho ripreso io fino a quando non sono arrivati i soccorsi avanzati.”

Calogero Farruggia, 72 anni, si è salvato grazie alla prontezza dell’intervento dell’infermiera. Il paziente è poi stato elitrasportato presso l’ospedale di Grosseto per essere sottoposto alle cure del caso.

“Sono molto contenta di essere stata d’aiuto a quel signore quel pomeriggio”, prosegue Elena.

“Ho cercato di agire nel miglior modo in attesa dei soccorsi ufficiali. Vorrei mandar un abbraccio fortissimo a quel signore in attesa di poterci conoscere personalmente. Anzi spero che ciò avvenga presto”, conclude l’infermiera.

La redazione di Nurse Times si congratula con la collega che, attraverso la professionalità e competenza dimostrate, ha reso onore all’intera categoria professionale.

Simone Gussoni