ECM: Il DPCM 18 ottobre, non tutti i convegni vanno bloccati

Il DPCM del 18 ottobre sospende convegni e congressi: ma nell’ECM è davvero indispensabile impedire tutti gli eventi di formazione in presenza? Alla luce delle…

Il DPCM del 18 ottobre sospende convegni e congressi: ma nell’ECM è davvero indispensabile impedire tutti gli eventi di formazione in presenza?

Alla luce delle nuove disposizioni in tema di convegni e congressi contenute nel DPCM firmato il 18 ottobre dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, Federcongressi&eventi, l’associazione dell’industria italiana dei congressi e degli eventi, si esprime attraverso Alberto Iotti – Responsabile Provider ECM:

“In questo momento c’è un’esigenza primaria che giustamente il governo deve presidiare e tutti devono fare la loro parte, noi Provider ECM compresi. Ciò giustifica la limitazione di attività meno prioritarie che possano incrementare il rischio sanitario, ma certamente non il blocco indiscriminato degli eventi, penalizzando anche situazioni in cui invece tale rischio è estremamente limitato.

Il riferimento va agli eventi ECM di piccole e medie dimensioni di carattere locale o regionale che per loro configurazione possono vedere garantita la sicurezza essendo caratterizzati da numeri ridotti di partecipanti e da possibilità di spostamento con mezzi propri”.

“Questi eventi – continua Alberto Iotti – rappresentano un elemento di continuità formativa per il personale sanitario e fonte di sussistenza fondamentale per l’intera filiera congressuale già enormemente penalizzata dalle conseguenze del COVID-19.

Peraltro, c’è una normativa vigente che illustrando bene le distinzioni tra eventi ECM definisce come ‘convegni e congressi’ i meeting che coinvolgono un numero di partecipanti oltre i 200. Poiché il DPCM sospende specificamente questa categoria di iniziative, sarebbero quindi da ritenersi esclusi dal divieto gli eventi al di sotto di questo parametro”. 

“Sul fronte sicurezza – sottolinea Iotti – i nostri Provider ECM sono in grado di garantire standard molto elevati potendosi avvalere del protocollo DVRE (Documento di Valutazione del Rischio biologico in Eventi) messo a punto da Federcongressi&eventi e adottato dalla Conferenza Stato-Regioni. 

Ritengo quindi che il governo debba fare delle riflessioni che portino a soluzioni più equilibrate nel rispetto sia delle esigenze sanitarie sia della preservazione del lavoro. 

La nostra associazione si rende disponibile per un confronto con le autorità per fornire indicazioni dettagliate e contribuire ad una disamina più approfondita”.

Ufficio Stampa Federcongressi&eventi

Ultimi articoli pubblicati

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

#SIIETperiCITTADINI – SATURIMETRO

IL SATURIMETRO una piccola guida per il cittadino Che cosa è? E’ uno strumento di…

5 ore ago

Opi Cosenza, l’appello del presidente Sposato ai colleghi: “Non abbandoniamo i pazienti”

L’appello diretto ai colleghi arriva dal presidente dell’Ordine degli infermieri di Cosenza, Fausto Sposato. “Non…

5 ore ago

“Da clochard a infermiere… grazie agli infermieri”: il riscatto di un giovane teramano in tempo di Covid

Arriva dall'ospedale di Teramo, dall'Abruzzo rosso in piena emergenza coronavirus, una storia di riscatto sociale,…

6 ore ago

Seconda ondata in Puglia: inchiesta sulla Regione

La gestione della seconda ondata in Puglia ha portato la Procura ad aprire un'inchiesta. L'inchista…

8 ore ago

Muore in casa positiva al Covid e senza cure

Maria Forte, di 44 anni, è morta nell'appartamento alla periferia di Altamura in cui viveva…

9 ore ago

Test del sangue per svelare la severità del Covid-19

Abionic Sa, una società svizzera di Medtech con sede a Losanna, ha sviluppato il punteggio…

10 ore ago