Emilia Romagna, nasce il nucleo regionale Siiet: “Guardiamo al futuro”

Quattro chiacchiere con il referente Fabrizio Mazza: “Competenze sempre più avanzate per gli infermieri del 118”. «Ci stanno contattando colleghi da tutta Italia per costituire…

Quattro chiacchiere con il referente Fabrizio Mazza: “Competenze sempre più avanzate per gli infermieri del 118”.

«Ci stanno contattando colleghi da tutta Italia per costituire nuclei regionali che noi coordineremo, dando vita a un’unica voce infermieristica nel campo dell’emergenza territoriale». Lo aveva annunciato in una recente intervista da noi realizzata, Roberto Romano, presidente e fondatore della Siiet (Società italiana infermieri emergenza territoriale).

Ebbene, un nucleo regionale è appena nato in Emilia Romagna, come conferma il referente Fabrizio Mazza (foto): «Abbiamo visto la luce nello scorso weekend e annoveriamo già un centinaio di iscritti. Naturalmente siamo ancora in fase di rodaggio, ma contiamo di organizzarci in fretta per rendere omogeneo un quadro regionale molto variegato, garantendo una rappresentanza unitaria ai tantissimi infermieri del 118 presenti in Emilia Romagna».

Idee chiare, dunque, al servizio di obiettivi ambiziosi: «Stiamo già cercando di relazionarci con le istituzioni regionali, con gli Ordini provinciali degli infermieri, ma anche con gli organismi rappresentativi di altre professionalità in ambito sanitario, quelle con cui lavoriamo quotidianamente a stretto contatto. Senza dimenticare i comuni cittadini, ai quali vogliamo spiegare chi siamo e cosa facciamo. Il tutto nell’ottica di un confronto costruttivo, necessario per la crescita collettiva».

Già, crescita. È questa la parola chiave quando si parla di Siiet. Crescita dell’associazione, che sta muovendo i primi passi, ma anche crescita di chi ne fa parte, che non può smettere di incrementare la propria efficienza: «Gli infermieri dell’emergenza territoriale garantiscono già oggi competenze e responsabilità elevate. Quelli dell’Emilia Romagna, dove il 118 è nato, sono professionisti a tutto tondo, motivati e sempre sul pezzo. Noi vogliamo che la loro preparazione resti al passo coi tempi. Perché la tempestività dell’intervento è importante, ma altrettanto importante è la sua qualità».

A tal fine si punterà molto sulla formazione: «Esatto. Le nostre competenze devono diventare sempre più avanzate. Fare formazione ci permetterà di integrare un titolo di studio che, da solo, serve a poco. Abbiamo una base storica e un presente di tutto rispetto, ma dobbiamo guardare al futuro».

Redazione Nurse Times

 

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Opi Potenza riparte dai giovani: intervista al nuovo presidente Serafina Robertucci

Il movimento Infermieri in Ordine ha vinto le elezioni per il rinnovo del direttivo, scalzando…

2 ore ago

Coronavirus, “Epidemia in rapido peggioramento”: le restrizioni spiegate dal report del ministero

Ecco cosa dice il documento relativo al periodo 12-18 ottobre 2020. “L’epidemia è in rapido peggioramento e…

3 ore ago

Coronavirus, primo sanitario deceduto in Calabria: è un’infermiera di Catanzaro

La collega, 56enne, prestava servizio nell’Unità Breast Unit dell’ospedale “Pugliese-Ciaccio”. Si allunga l'elenco di morti…

4 ore ago

Coronavirus, Nursind a Regione Umbria: “Servono assunzioni e test”

Di seguito la lettera, a firma del coordinatore regionale Marco Erozzardi, inviata alla governatrice Donatella…

5 ore ago

Coronavirus, nuovo report Nursing Up: “Impietosi i dati della carenza di personale”

Il presidente del sindacato, Antonio De Palma, lancia l'allarme relativo alle regioni Lombardia, Campania, Piemonte…

5 ore ago

Nuovo Dpcm, continuano le proteste nelle città italiane

Diverse manifestazioni, dai toni non sempre pacifici, hanno avuto luogo a Milano, Torino, Napoli, Trieste...…

6 ore ago