Esplosioni Beirut, tre ospedali distrutti. Si prega perché rinascano dalle ceneri

La violenza di un'esplosione non ha pietà, nemmeno per i malati. Nemmeno per chi già soffre in un ospedale. Gli ospedali rimasti in funzione, sono…

La violenza di un’esplosione non ha pietà, nemmeno per i malati. Nemmeno per chi già soffre in un ospedale. Gli ospedali rimasti in funzione, sono al collasso: la gente viene medicata nei corridoi e, in alcuni casi, addirittura nei parcheggi. Arriva notizia di infermieri, medici e paramedici impegnati a liberare le strade di accesso dalle macerie, mentre i feriti che continuano a essere trasportati ricevono le prime cure nei parcheggi.  Le esplosioni di Beirut hanno colpito e ditrutto tre ospedali e ne ha danneggiato altri due.

La capitale del Libano è caduta tante volte nella sua storia recente, per la guerra civile negli anni Settanta, per il conflitto con Israele nel 2006, e, ancora, per la lunga serie di attentati che l’hanno portata allo stremo nell’ultimo decennio.

Le eslosioni che ora distuggono gli ospedali, lacerano ancora di più l’animo libanese. La notizia viene confermata da al-Jazeera Mirna Doumit, presidente dell’Ordine degli infermieri di Beirut. “Abbiamo dovuto trasferire i pazienti in altri ospedali – ha detto – Altri due ospedali sono parzialmente distrutti.

Si tratta di una catastrofe“.

“Camminando per la città ci si imbatte in tante altre situazioni simili, case e palazzi segnati dalle numerose guerre vissute in epoche più o meno recenti, lasciate così, non ristrutturate per una scelta voluta e consapevole. Di fianco, in contrasto, splendidi giardini verdipiccoli gioielli architettonici, perle di design, locali che pullulano di giovani. Beirut è sempre stata consapevole della sua vulnerabilità, ma la velocità e la forza con cui ogni volta è rinata fa pensare che se c’è un posto dove quella parola abusata come “resilienza” può avere un senso, quello è proprio nella capitale del Libano” testimonia Luigi Mastrodonato a Wired. 

Ora, anche questa volta, si prega perché rinascano dalle ceneri gli ospedali di Beirut.

Fonti: Adnkronos, il Fatto Quotidiano, Wired. Foto: Adnkronos.

Cristiana Toscano

Leave a Comment
Share
Published by
Cristiana Toscano

Recent Posts

Emergenza Covid in Calabria: via libera all’assunzione di 360 infermieri nelle scuole

La governatrice Santelli ha autorizzato le aziende sanitarie provinciali a stipulare contratti di lavoro a termine. Il…

14 minuti ago

Carbonia, scoperta casa di rioposo abusiva: arrestati i responsabili

Oltre all'assenza dei requisiti specifici per l’attivazione della struttura, i carabinieri hanno accertato maltrattamenti agli…

59 minuti ago

Coronavirus, in Italia si teme il peggio: le Regioni si attrezzano

Da Nord a Sud riaprono i reparti Covid. Pronti 11mila posti letto in terapia intensiva.…

2 ore ago

L’infermiere e l’ultrafiltrazione nello scompenso cardiaco in UTIC

Antonio Boscolo Anzoletti Infermiere Coordinatore Terapia Intensiva Cardiologica Chioggia AULSS 3 Serenissima (Ve) INTRODUZIONE L’ultrafiltrazione…

3 ore ago

Asl Roma 4: avviso di mobilità per ostetrica

Avviso pubblico di mobilità nazionale, per titoli e colloquio, per la copertura di n. 2…

14 ore ago

Infermieri: avviso di mobilità presso l’Asl Roma 4

Avviso pubblico di mobilità nazionale, per titoli e colloquio, per la copertura di n. 10…

14 ore ago