Essere infermiere: come ci sente a stare dall’altra parte?

Ogni giorno, noi infermieri, ci svegliamo con la consapevolezza di dover entrare in contatto con vite umane, con il dolore, con la rabbia, il dispiacere,…

Ogni giorno, noi infermieri, ci svegliamo con la consapevolezza di dover entrare in contatto con vite umane, con il dolore, con la rabbia, il dispiacere, la fatica, e a tutto questo ci si abitua dopo un po’

Ma cosa si prova esattamente a stare dall’altra parte, quando di fronte a noi non abbiamo un paziente ma un nostro caro?

Siamo abituati ad aver a che fare con la malattia, ma quando si tratta di una persona vicina a noi, un po’ meno, o magari non lo siamo affatto.

Ogni giorno guardiamo negli occhi un paziente, lo invitiamo a non mollare, ad avere forza ed andare avanti nonostante il dolore, una brutta diagnosi, una prosecuzione della degenza. Ogni giorno tocchiamo la sofferenza con le nostre mani, e questo ci fa riflettere molto, ci fa riflettere sulla futilità dei nostri problemi, e sull’apprezzare di più la vita.

Ma quando succede a noi, quando è un nostro caro ad ammalarsi, tutto è diverso. Ci sembra quasi di aver a che fare con un paziente per la prima volta. Non si è affatto preparati.

Si ha paura della morte, timore del dolore, il pensiero ci pervade tutto il giorno dal risveglio la mattina alla sera quando si va a dormire, si prova rabbia, e spesso ci si sente semplicemente, inutili.

Siamo infermieri, ma non siamo supereroi, e anche davanti ad una diagnosi con prognosi infausta ci illudiamo che il nostro caso possa essere diverso dagli altri, contro qualsiasi dimostrazione scientifica.

Ci illudiamo che ci possa essere una luce nel buio, e si cerca una speranza anche quando sappiamo benissimo che non c’è.

Spesso ci si comporta come se ci si dimenticasse del nostro ruolo, e siamo semplicemente figli, fratelli, coniugi, genitori, cugini, nipoti, amici, come se il nostro lavoro non avesse a che vedere con questa condizione ma con la consapevolezza di essere per il nostro caro un punto di riferimento.

 

Rosanna Lacerenza

 

Marianna Di Benedetto

Leave a Comment
Share
Published by
Marianna Di Benedetto

Recent Posts

#SIIETperiCITTADINI – SATURIMETRO

IL SATURIMETRO una piccola guida per il cittadino Che cosa è? E’ uno strumento di…

5 ore ago

Opi Cosenza, l’appello del presidente Sposato ai colleghi: “Non abbandoniamo i pazienti”

L’appello diretto ai colleghi arriva dal presidente dell’Ordine degli infermieri di Cosenza, Fausto Sposato. “Non…

6 ore ago

“Da clochard a infermiere… grazie agli infermieri”: il riscatto di un giovane teramano in tempo di Covid

Arriva dall'ospedale di Teramo, dall'Abruzzo rosso in piena emergenza coronavirus, una storia di riscatto sociale,…

6 ore ago

Seconda ondata in Puglia: inchiesta sulla Regione

La gestione della seconda ondata in Puglia ha portato la Procura ad aprire un'inchiesta. L'inchista…

8 ore ago

Muore in casa positiva al Covid e senza cure

Maria Forte, di 44 anni, è morta nell'appartamento alla periferia di Altamura in cui viveva…

9 ore ago

Test del sangue per svelare la severitĂ  del Covid-19

Abionic Sa, una societĂ  svizzera di Medtech con sede a Losanna, ha sviluppato il punteggio…

10 ore ago