È accaduto sabato sera agli Ospedali Riuniti. Per fortuna l’aggressore ha provocato danni solo alle cose.

Serata di paura, quella vissuta sabato scorso al Pronto soccorso degli Ospedali Riuniti di Foggia. Poco prima delle 22 un cinquantenne in stato palesemente alterato ha fatto irruzione nella struttura, cominciando a inveire contro un infermiere, per poi passare all’azione e scaraventare a terra monitor e tastiera di un pc, oltre a un defibrillatore. Sul posto è intervenuta la polizia, che ha chiesto di acquisire le immagini dell’accaduto.

L’ospedale intende sporgere denuncia sia per danno patrimoniale che a tutela degli operatori. “Abbiamo svolto un’indagine interna – ha rivelato il direttore sanitario Franco Mezzadrie non ci risultano ritardi o inadempienze da parte del personale nei confronti del soggetto in questione. Non appena è entrato, ha iniziato la sua aggressione, e non in conseguenza di insofferenza per lungaggini o omissioni da parte nostra. La direzione strategica degli Ospedali Riuniti è vicina all’operatore e alla sua famiglia, e a tutti gli operatori che, purtroppo, sono oggetto di immotivata violenza”.

Redazione Nurse Times

Fonte: www.foggiatoday.it