Francia: condizioni lavorative insostenibili, 1.200 medici si dimettono dalle funzioni amministrative per protesta

Nel corso di una conferenza stampa che si è svolta ieri a Parigi 1200 medici dipendenti del servizio sanitario nazionale francese hanno minacciato le loro…

Nel corso di una conferenza stampa che si è svolta ieri a Parigi 1200 medici dipendenti del servizio sanitario nazionale francese hanno minacciato le loro dimissioni; 600 di loro sono capi servizio.

Questo gesto estremo è stato la conseguenza delle numerose manifestazioni e proteste finite nel nulla ed al costante peggioramento delle condizioni di lavoro, ritenute ormai inaccettabili.

La speranza dei camici bianchi è quella di convincere le sigle sindacali ed i governatori a tornare al tavolo delle negoziazioni. 

L’ultimo giorno di lavoro amministrativo per primari e medici specialisti è stato il 14 gennaio 2020. Da tale data continueranno a fornire solamente le cure dirette ai pazienti, senza occuparsi delle mansioni amministrative.

“Non esistono più le condizioni per lavorare in sicurezza”, ha spiegato Jean-Luc Jouve, primario del reparto di ortopedia pediatrica presso l’ospedale Timone di Marsiglia.

“Si tratta di un gesto simbolico, ma che potrebbe far migliorare le condizioni dell’intero sistema”, prosegue il pediatra.

Le associazioni dei medici garantiscono che questo gesto non avrà conseguenze negative sulla salute dei pazienti, poiché l’astensione dal lavoro riguarderà solo la parte burocratica.

Una lettera a supporto di tale iniziativa è stata firmata da 4.894 infermieri.

“Supportiamo la domanda di miglioramenti al servizio sanitario. I medici non stanno richiedendo qualcosa che possa giovare solo alla loro categoria. Continueranno a curare i malati, ma la popolazione deve unirsi alla loro battaglia”.

Dott. Simone Gussoni

Dott. Simone Gussoni

Il dott. Simone Gussoni è infermiere esperto in farmacovigilanza ed educazione sanitaria dal 2006. Autore del libro "Il Nursing Narrativo, nuovo approccio al paziente oncologico. Una testimonianza".

Leave a Comment
Share
Published by
Dott. Simone Gussoni

Recent Posts

“Io, Covid positivo, speriamo che me la cavo”

Riceviamo e pubblichiamo le riflessioni di Antonio Savino, dottore in Scienze infermieristiche dell'Aorn Caserta -…

4 ore ago

Covid-19, arriva dalla Spagna una variante del virus

Si chiama 20A.EU1 ed è stata rilevata da ricercatori svizzeri. Arriva dalla Spagna, dove è…

4 ore ago

Chiusura delle scuole in Puglia, ma i genitori non ci stanno

"La chiusura delle scuole primarie in Puglia è un atto veramente ingiusto e ingiustificato" denunciano…

5 ore ago

Cancro colorettale, primo screening consigliato a 45 anni

Le nuove linee guida della USPSTF abbassano l’età, precedentemente fissata a 50 anni. “Nuovi elementi…

5 ore ago

Coronavirus, gli effetti neurologici sono ancora un mistero

I ricercatori cercano di scoprire i meccanismi alla base di questi problemi, ma non sono…

6 ore ago

Coronavirus, nuovo studio conferma: vaccino antinfluenzale frena il contagio

Esaminati i dati di circa 10.600 dipendenti del Radboud University Medical Center (Paesi Bassi). Da…

6 ore ago