Genova, Fials in piazza per i sanitari anti-Covid: “Rischiano il licenziamento”

Organizzato un presidio per oggi alle 15. La richiesta del sindacato: "I loro contratti vanno rinnovati e vanno predisposte subito le procedure concorsuali di assunzione".…

Organizzato un presidio per oggi alle 15. La richiesta del sindacato: “I loro contratti vanno rinnovati e vanno predisposte subito le procedure concorsuali di assunzione”.

“Hanno aiutato migliaia di persone durante l’emergenza e ora centinaia di lavoratrici e lavoratori, infermieri, oss, tecnici e medici, assunti per garantire i servizi ai cittadini e l’organico necessario nell’emergenza Covid rischiano di essere ripagati con un licenziamento”. Lo afferma la Fials, che ha organizzato un presidio per oggi alle 15 in piazza De Ferrari, a Genova.

Secondo dati forniti dal sindacato, in Liguria sono 726 le unità di personale sanitario assunte per far fronte all’emergenza (225 sono medici e 240 infermieri) e solo 52 hanno un contratto a tempo indeterminato: “I loro contratti vanno rinnovati e vanno predisposte subito le procedure concorsuali di assunzione. Questi lavoratori servono e sono indispensabili. La sanità ligure, dal 2014 ad oggi, ha perso 1.700 posti di lavoro, tagliati da questi governi e da questa Giunta. Insieme al taglio de servizi e dei posti letto la riduzione degli organici è il delitto perfetto, che strangola il servizio pubblico in nome del primato dei bilanci”.

In breve tempo, causa coronavirus, sono state centinaia le assunzioni in Liguria, tra medici, infermieri e oss, soprattutto con contratti interinali o a partita Iva: “Questi lavoratori, in gran parte giovani, hanno risposto con coraggio alla chiamata al lavoro in prima fila contro il virus, hanno lavorato nei mesi più difficili dell’emergenza e nei reparti più esposti. Hanno lavorato, insieme ai lavoratori di ruolo, sopperendo a una situazione dove il personale sanitario risultava assolutamente insufficiente. Ora molti di loro non sanno neppure se vedranno rinnovato il proprio contratto da interinale in scadenza. Pensiamo che una politica sanitaria seria debba valorizzare l’aspetto delle risorse umane come strumento essenziale e necessario a garantire le cure, l’assistenza e la qualità. Ma, per essere efficace, il lavoro deve essere stabile e certo”.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Napoli, ucciso dal Covid un infermiere in pensione: aveva ripreso servizio per dare una mano

Alfonso Durante, 75 anni, era tornato a disposizione delle Misericordie di Grumo Nevano come volontario.…

28 minuti ago

Nursind, fuori luogo chi considera l’indennità infermieristica un’offesa ad altre professioni

Lo afferma, in una nota, il segretario nazionale del Nursind infermieri Andrea Bottega.  "Mi limito…

11 ore ago

Fnopi, Indennità di specificità infermieristica: un riconoscimento meritato, ancora da rafforzare

L’indennità infermieristica prevista nella legge di bilancio 2021 non è “un’offesa verso le altre professioni”…

11 ore ago

ASP Enna: avviso pubblico urgente per infermieri da destinare all’emergenza Covid

Avviso pubblico con Procedura Straordinaria ed Urgente per la formulazione di una graduatoria per il…

11 ore ago

Azienda USL Toscana Nord Ovest: concorso per 3 infermieri dirigenti

Concorso pubblico unificato, per titoli ed esami, per la copertura di tre posti di dirigente…

12 ore ago