Giappone, robot umanoidi per ridurre il carico di lavoro degli infermieri

Al via la sperimentazione nell’Ospedale Univesitario di Nagoya. Gli aiutanti automatizzati daranno una mano ai professionisti sanitari.

Come riferito dal canale locale The Asahi Shimbun, l’Ospedale Universitario di Nagoya, nel mese di febbraio 2018, avvierà un progetto pilota che vedrà impiegato uno squadrone di robot in grado di somministrare farmaci ed effettuare prelievi ematici. All’inizio della sperimentazione, che durerà complessivamente dodici mesi, quattro automi saranno impiegati durante il turno di notte. Si sposteranno da un piano all’altro della struttura, utilizzando gli ascensori per svolgere i compiti assegnati.

Secondo i dati raccolti nel 2015 dagli sviluppatori di “Robobear”, i pazienti giapponesi avrebbero più fiducia in questo automa che negli infermieri stranieri.


I robot, alti 125 centimetri, sono in grado di viaggiare a una velocità massima di 3,6 chilometri orari, trasportando oggetti fino a 30 chilogrammi di carico. Grazie a numerose fotocamere avranno un campo visivo di 360 gradi. La squadra di assistenti robotici si sposterà tra i reparti di Terapia Intensiva, Chirurgia, Farmacia ospedaliera e il laboratorio analisi. Medici e infermieri saranno in grado di comunicare con loro e chiamarli in caso di necessità semplicemente utilizzando un tablet

.

La speranza è che tali dispositivi possano limitare i rumori prodotti dallo spostamento degli operatori umani. Gli scienziati si augurano anche che possano essere di supporto a ogni professionista, riducendo il carico di lavoro e aumentando l’efficienza delle cure. “Il carico di lavoro può essere ridotto con i robot in modo che infermieri e altri professionisti possano concentrarsi sui loro compiti principali”, spiega Naoki Ishiguro, direttore dell’ospedale.

Veneto, il robot specializzato in prelievi ematici.

Prodotto da Toyota e sviluppato dalla Nagoya University, l’automa è in grado di evitare ostacoli di ogni genere, riconoscendo gli esseri umani e interagendo con loro prima di prendere qualsiasi iniziativa. È inoltre capace di fare ritorno autonomamente alla propria power station qualora la batteria di cui è dotato stia per esaurirsi. “I carichi di lavoro – spiega Ishiguro – possono essere ridotti utilizzando robot che svolgano mansioni in passato svolte da persone. Speriamo di garantire agli Infermieri maggiore tempo per concentrarsi sulle attività proprie della professione”.

Simone Gussoni

Dott. Simone Gussoni

Il dott. Simone Gussoni è infermiere esperto in farmacovigilanza ed educazione sanitaria dal 2006. Autore del libro "Il Nursing Narrativo, nuovo approccio al paziente oncologico. Una testimonianza".

Leave a Comment
Share
Published by
Dott. Simone Gussoni

Recent Posts

Covid, Fials: Contagiate 102.942 di cui 70% infermiere, sono donne le più colpite.

Evidente disparità di genere Roma, 5 mar. – Femminili 70 contagi professionali ogni 100: le…

13 ore ago

Obesità e obesità infantile in crescita. 6 milioni di obesi in Italia

L'obesità è tra le più diffuse problematiche di salute a livello mondiale e la sua…

14 ore ago

Ema avvia la valutazione dello Sputnik V

L'Ema ha avviato la valutazione del vaccino russo Sputnik V contro il coronavirus. Il Governo…

15 ore ago

Ambulanza in urgenza si schianta contro muro: infermiere 57enne in gravissime condizioni

Un terribile incidente stradale ha coinvolto un’ambulanza della Croce Rossa questa notte. Lo schianto è…

15 ore ago

Bloccato un carico di 250mila vaccini AstraZeneca diretti in Australia

Bloccato un carico di 250mila vaccini AstraZeneca diretti in Australia. Lo ha deciso il governo…

16 ore ago

Covid Hospital di Pescara: 42 persone intubate, “ma sistema regge”

Sono 42 i pazienti in terapia intensiva, e dunque intubati, che si trovano nel Covid…

17 ore ago