Gravidanza: occhio ai farmaci pericolosi

Sono circa 50 le sostanze assunte dalle future mamme che possono provocare malformazioni nel bambino. Fino al 1940 si è ritenuto che l’utero fosse un…

Sono circa 50 le sostanze assunte dalle future mamme che possono provocare malformazioni nel bambino.

Fino al 1940 si è ritenuto che l’utero fosse un ambiente protetto per il feto. Oggi si sa invece che quasi ogni farmaco o sostanza chimica somministrata alla madre è in grado di attraversare la placenta. Si stima che le sostanze terapeutiche assunte da una donna in gravidanza e in grado di provocare malformazioni siano circa 50. A volte il danno si vede nel corso della vita del bambino, con effetti sul suo sviluppo neurologico e psicologico che non si comprendono finché non inizia ad andare a scuola.

La statunitense Food and Drug Administration ha catalogato i farmaci in cinque categorie, in base alla loro innocuità (categoria A) o pericolosità (categorie D e X) per l’embrione. Di seguito la tabella delle categorie di rischio stilata dalla FDA.

Ed ecco un elenco delle sostanze farmacologiche pericolose per l’embrione, appartenenti alla cosiddetta categoria X, che vanno sospese immediatamente.

Gli altri farmaci, anche quelli pericolosi della categoria D, vanno invece sospesi solo dopo aver consultato il ginecologo, perché possono essere molto importanti per la cura di varie malattie. Ad esempio, se si sta assumendo un anticoagulante come il Warfarin per una cardiopatia, lo si potrà sospendere solo dopo che il medico curante avrà prescritto un farmaco alternativo. Probabilmente la maggior parte delle medicine in uso fa parte delle categorie B e C, come ad esempio gli ansiolitici, gli antidepressivi e gli antidolorifici, e il loro utilizzo in gravidanza è spesso controverso. Per questo motivo è consigliato rivolgersi al più presto al proprio ginecologo, che potrà fornire risposte più sicure o indirizzare a una consulenza genetica teratologica.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Riordino del Sistema di Emergenza e urgenza Territoriale (SET 118),la proposta di Società Scientifiche e OO.SS

Dopo il documento congiunto dello scorso Luglio, relativo alla “Riforma del Sistema di Emergenza Sanitaria…

53 minuti ago

Tumore al seno non diagnosticato, due medici in tribunale

Aveva il tumore ma non le era stato diagnosticato. Dopo la mammografia, la biopsia aveva…

2 ore ago

Ematik, il cerotto creato dal e riassorbibile

Utilizzare cellule umane come inchiostro di stampa è possibile. Prometheus è una startup innovativa, fondata…

3 ore ago

Falso ideologico per il medico che fa ricette al buio

Falso ideologico per il medico che fa ricette al buio. La Corte di cassazione, con…

4 ore ago

Seconda ondata Coronavirus, la panoramica europea

I contagi di coronavirus tornano a salire in tutta Europa. In una settimana 920mila contagi.…

4 ore ago

Coronavirus: l’impatto sulle emergenze pediatriche e neonatali

Due studi rivelano la trasmissione del virus sui pazienti più piccoli. Una delle sessioni più…

5 ore ago