Il Dolore e il parto: il ruolo delle endorfine

Il parto rappresenta il punto di inizio di uno strabiliante cammino della vita, ma talvolta pone la gestante dinnanzi a diversi timori. Ne ricordiamo uno…

Il parto rappresenta il punto di inizio di uno strabiliante cammino della vita, ma talvolta pone la gestante dinnanzi a diversi timori. Ne ricordiamo uno in particolare, ovverossia quello del dolore durante il parto.

Esso spinge la donna a cercare soluzioni che lo annullino o minimizzino, favorendo, purtroppo, soluzioni scevre dalla loro volontà e che facilitano vere  e proprie forme di guadagno altrui.

A differenza di quello che può essere percepito dall’immaginario collettivo sul tema “dolore”, il dolore del parto è del tutto fisiologico e afferisce ad un normalissimo proseguo di un evento fisiologico naturale.

L’attenuazione del dolore durante il travaglio e il parto è possibile con diverse metodiche validate scientificamente, ma il vero e proprio “momento antidolorifico” lo realizza la donna stessa liberando endorfine, adottando posizioni libere che favoriscono non solo la riduzione del dolore ma anche il disimpegno del prodotto del concepimento. Le endorfine permettono alla mamma di sperimentare relax e benessere.

La medicalizzazione del parto, ad esempio, rappresenta per molte donne un punto di arrivo in un ambiente sicuro e protetto, nella quale può scegliere la strategia di attenuazione e gestione del dolore, come ad esempio l’analgesia epidurale. Ma, tale dolore, è ben diverso dagli altri.

Dal punto di vista evolutivo, ha dei significati ben precisi:

  • Protezione sia della madre che del bambino;
  • Segnalare il pericolo al corpo (istinto di sopravvivenza);
  • Produce delle reazioni di difesa.

Andando nello specifico la sintomatologia è dovuta a contrazioni uterine che mediano una sensazione sgradevole a livello addominale con coinvolgimento di legamenti, gruppi muscolari, terminazioni nervose viciniori. Il plateau del dolore porta alla liberazione anche di ossitocina, serotonina, noradrenalina, ACTH ossia tutti quei fattori stressanti e di difesa.

Il dolore può avere anche cause psicologiche che derivano dalla sfera affettiva e dal vissuto inconscio della persona. I fattori psichici che determinano l’entità del dolore percepito sono:

  • Condizionamento negativo
  • Imprinting culturale
  • Esperienze personali

Concludendo le endorfine hanno un’azione benefica anche sul feto: vengono concentrate nel liquido amniotico (proteggendo il bambino dal dolore) e nella zona di inserzione della placenta  ne diminuiscono la contrattura e favoriscono gli scambi gassosi.

CALABRESE Michele

BIZZOCA Teresa Antonia

Fonte:

www.sunhope.it

www.corsipreparto.com

Michele Calabrese

Infermiere Magistrale in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche, docente a corsi di formazione rivolti a personale sanitario e laico, in regime residenziale e non. Responsabile Scientifico, Moderatore e/o Relatore ad eventi, seminari e congressi. Infermiere presso P.T.S. 118 "Basilicata Soccorso", postazione INDIA. Revisore dei Conti e componente di Commissioni esterne Ordine delle Professioni Infermieristiche Barletta-Andria-Trani (O.P.I. BAT). Presidente Associazione Provinciale C.N.A.I. BAT (Consociazione Nazionale Associazioni Infermiere/i della BAT). Formatore O.S.S. ai sensi del DLgsR Puglia. Docente a contratto

Leave a Comment
Share
Published by
Michele Calabrese

Recent Posts

Covid-19: la Valle d’Aosta richiama in servizio infermieri e medici in pensione

Anche la Valle d’Aosta corre ai ripari per contrastare l’emergenza Covid-19 e colmare la carenza…

44 minuti ago

Paziente critico Covid in supporto ventilatorio: la pronazione

La pronazione del paziente critico in unitĂ  operativa di rianimazione è una posizione utilizzata da…

2 ore ago

”Sono un OSS, scrivo per esprimere la mia delusione in merito alle mobilitĂ  bandite dalla Regione Sicilia.”

''Buongiorno, sono un OSS di ruolo del SSN, scrivo questa lettera per esprimere la mia…

2 ore ago

Giornata nazionale del malato oncologico, Aceti (FNOPI): “Con gli infermieri il Ssn entra nelle case delle persone e si prende cura di tutti”

Infermieri nelle reti oncologiche territoriali. E non solo per garantire l’assistenza, ma anche come monitoraggio…

4 ore ago

Coronavirus: barba e capelli gratis per ringraziare medici e infermieri eroi

Con l’esplosione della seconda ondata della pandemia di Covid-19 qualcuno inizia nuovamente a voler ringraziare…

7 ore ago

Tutta la Polonia è “zona rossa”

Tutta la Polonia è "zona rossa". Il Paese passa in semi-lockdown per contrastare la crescita…

11 ore ago