Il virus viaggia per aria più di quanto si pensasse

Il Covid si trasmetterebbe anche solo respirando l’aria in una stanza dove ha sostato una persona infetta. Sebbene si aspetti la pubblicazione dello studio, gli esperti lanciano già i primi avvertimenti all’Organizzazione Mondiale della Sanità. Il virus viaggia per aria più di quanto si pensasse. Lo dicono 239 scienziati provenienti da tutto il mondo.

La notizia viene riportata su “La Stampa”. Il Covid non si trasmetterebbe solo con le goccioline di uno starnuto o di un colpo di tosse, ma anche solo respirando l’aria in una stanza dove ha sostato una persona infetta.

Gli oltre 200 scienziati, che provengono da 32 Paesi, hanno deciso di anticipare all’Oms le conclusioni di uno studio che sarò presto pubblicato. Questo studio apparirà a breve sulla rivista “Clinical Infectious Diseas”.

Quindi, non più solo le “droplets” (cioè le goccioline) sono tramite del contagio da coronavirus. Questa scoperta potrebbe portare a rivoluzionare il modo di pensare alla trasmissione del virus e, di conseguenza, a rivisionare le misure di sicurezza adottate.

Ad esempio, sarà probabile che si inserisca come precauzione contro il contagio, la costante e migliore ventilazione di ospedali, uffici, ristoranti e luoghi chiusi in generale.

Secondo un altro studio dell’Università di Nicosia (sempre riportato su La Stampa, nell’articolo di Paolo Russo), precauzioni andrebbero però prese anche all’aria aperta. Questo, soprattutto in caso di vento, poiché, appunto, il virus viaggia per aria. Con uno strumento in grado di replicare i colpi di tosse i ricercatori ciprioti hanno dimostrato infatti che con un vento tra i 4 e i 14 chilometri orari le goccioline possono viaggiare fino a 6 metri in una manciata di secondi.

Cristiana Toscano

Leave a Comment
Share
Published by
Cristiana Toscano

Recent Posts

Ipercolesterolemia: combinazione di acido bempedoico, ezetimibe e atorvastatina riduce LDL

A questo significativo risultato è giunto un studio di fase 2 condotto dai ricercatori del…

2 ore ago

Epilessia, Commissione Europea approva cenobamato per crisi a esordio focale resistenti ai farmaci

Concessa l’autorizzazione all’immissione in commercio in tutti gli Stati membri dell’Unione europea, più Islanda, Norvegia…

3 ore ago

Dati Sicilia, Lorefice (M5S): rapporto fiducia Regioni e Stato non può venire meno.

Governo riferisca in Parlamento “Quanto sta accadendo in Sicilia sui presunti dati falsati dei contagi,…

3 ore ago

Opi Rovigo: il gruppo “Voglio Ordine” sull’insediamento del Nuovo Direttivo

“L’infermiere deve essere attore del cambiamento e non spettatore!” così afferma il neo eletto presidente…

3 ore ago

Il coronavirus attacca anche l’udito?

Ad avanzare l'ipotesi sono i ricercatori dell'Università di Manchester. Perdita dell’udito stimata al 7,6%, acufene al…

4 ore ago