In arresto cardiaco per 6 ore: rianimata senza deficit grazie all’uso dell’Ecmo

I medici e gli infermieri in servizio presso l’ospedale Vall d’Hebron di Barcellona sono riusciti a compiere un impresa al limite dell’impossibile, riuscendo a rianimare…

I medici e gli infermieri in servizio presso l’ospedale Vall d’Hebron di Barcellona sono riusciti a compiere un impresa al limite dell’impossibile, riuscendo a rianimare una donna in arresto cardiaco da sei ore.

Audrey Mash, donna britannica giunta in elisoccorso nel mese di novembre, aveva accusato un malore in alta montagna, durante un’escursione sui Pirenei.

Insieme a lei era presente anche il marito Rohan Schoeman. Avevano deciso insieme di recarsi per un’escursione all’aperto nel primo pomeriggio del 3 novembre scorso. Dopo alcune ore all’aperto l’uomo ha notato come la moglie facesse fatica a parlare ed iniziasse a dare risposte incoerenti alle sue domande.

Poco dopo non era più in grado di camminare, perdendo definitivamente i sensi. Rohan ha subito chiamato aiuto ma le squadre di Vigili del Fuoco e soccorritori hanno impiegato non poco tempo a localizzare la coppia. È successivamente stato inviato l’elisoccorso che, a causa del maltempo, è riuscito a raggiungere la vittima del malore solo dopo le ore 15.30.

“Dalla nostra prima valutazione abbiamo capito come Audrey fosse in condizioni critiche”, racconta Pere Serral, sanitario a bordo dell’elicottero.

“Non siamo riusciti a percepire segni vitali e abbiamo pertanto iniziato le manovre rianimatorie, utilizzando le tecnologie pre-ospedaliere che avevamo a disposizione a bordo.”

Mash presentava un’ipotermia severa e la sua temperatura corporea era inferiore a 18° C. È stata così elitrasportata presso l’ospedale Vall d’Hebron di Barcellona, struttura dotata di Ecmo (extracorporeal membrane oxygenation machine).

Un Ecmo non era mai stato utilizzato prima di allora in Spagna durante una procedura rianimatoria. Ma alle 21.45, la temperatura corporea della donna si era innalzata fino a raggiungere i 30° C.

Il dott. Eduardo Argudo ha spiegato come abbiano deciso di utilizzare il macchinario “per guadagnare tempo e permettere al cervello di ricevere ossigeno, mentre eravamo impegnati a trattare le cause dell’arresto cardiaco”.

“Sebbene l’ipotermia stesse per uccidere Audrey, ha anche protetto il suo corpo ed il suo cervello. Se fosse rimasta in arresto cardiaco così a lungo, avendo una temperatura corporea normale, avremmo solamente potuto constatarne il decesso. Sapevamo invece che la grave ipotermia che presentava ci avrebbe dato una chance per salvarla grazie all’Ecmo.”

“Mente il caso della 34enne britannica rappresenta il record di sopravvivenza in arresto cardiaco in Spagna, in Scandinavia e sulle Alpi sono stati registrati quadri clinici similari”, conclude il medico.

La donna è stata ricoverata per sei giorni in terapia intensiva, venendo poi dimessa definitivamente dodici giorni dopo l’incidente in buone condizioni di salute. Le previsioni dell’equipe che l’ha rianimata erano decisamente meno rosee: tutti avevano preventivato un ricovero non inferiore ai 30 giorni.

Mash, insegnante di lingua inglese che si è trasferita a Barcellona due anni fa, ha deciso che, dopo l’avventura vissuta, non si recherà più in montagna con il marito per questa stagione invernale. 

Simone Gussoni

Dott. Simone Gussoni

Il dott. Simone Gussoni è infermiere esperto in farmacovigilanza ed educazione sanitaria dal 2006. Autore del libro "Il Nursing Narrativo, nuovo approccio al paziente oncologico. Una testimonianza".

Leave a Comment
Share
Published by
Dott. Simone Gussoni

Recent Posts

Opi Potenza riparte dai giovani: intervista al nuovo presidente Serafina Robertucci

Il movimento Infermieri in Ordine ha vinto le elezioni per il rinnovo del direttivo, scalzando…

3 ore ago

Coronavirus, “Epidemia in rapido peggioramento”: le restrizioni spiegate dal report del ministero

Ecco cosa dice il documento relativo al periodo 12-18 ottobre 2020. “L’epidemia è in rapido peggioramento e…

4 ore ago

Coronavirus, primo sanitario deceduto in Calabria: è un’infermiera di Catanzaro

La collega, 56enne, prestava servizio nell’Unità Breast Unit dell’ospedale “Pugliese-Ciaccio”. Si allunga l'elenco di morti…

5 ore ago

Coronavirus, Nursind a Regione Umbria: “Servono assunzioni e test”

Di seguito la lettera, a firma del coordinatore regionale Marco Erozzardi, inviata alla governatrice Donatella…

6 ore ago

Coronavirus, nuovo report Nursing Up: “Impietosi i dati della carenza di personale”

Il presidente del sindacato, Antonio De Palma, lancia l'allarme relativo alle regioni Lombardia, Campania, Piemonte…

6 ore ago

Nuovo Dpcm, continuano le proteste nelle città italiane

Diverse manifestazioni, dai toni non sempre pacifici, hanno avuto luogo a Milano, Torino, Napoli, Trieste...…

7 ore ago