Infermieri e Professionisti sanitari al via nelle 24 ore la quarantena a scacchiera

Dopo le promesse degli ultimi mesi, rispetto a nuove assunzioni di personale per fronteggiare i turni in situazioni di emergenza come quella con cui ci…

Dopo le promesse degli ultimi mesi, rispetto a nuove assunzioni di personale per fronteggiare i turni in situazioni di emergenza come quella con cui ci troviamo di nuovo a fare i conti, Regione Lombardia, Governo, Aziende Sanitarie, non hanno fatto seguire atti  concreti alle parole.

O meglio per essere più precisi una decisione è stata presa, al fine di avere a disposizione personale,

Regione lombardia ha disposto una “quarantena a scacchiera” nell’arco delle 24 ore per gli operatori sanitari.

Di cosa si tratta? Semplice, anche il contatto stretto di un positivo (anche familiare) può recarsi a lavoro adottando tutte le misure di contenimento al contagio e diffusione del virus; salvo poi nel momento in cui il turno finisce, attenersi per le attività extralavorative  alla norma nazionale che prevede per il contatto stretto di un positivo  quarantena e isolamento.

Quanti rischi porti con se questa scellerata proposta sia a discapito del professionista stesso, dei suoi collegi, dei suoi parenti è facile comprenderlo.

Viene da chiedersi a questo punto, cos’altro dovranno sopportare infermieri e personale sanitario.

Dopo mesi in cui la loro figura è stata  deprofessionalizzata e sfruttata, devono anche subire la privazione di ciò che per altri professioni  e per altri cittadini è un diritto.

Questo modo di reclutare e gestire  personale ha il solo risultato di umiliare ed accrescere il malcontento  dei professionisti sanitari.

Regione Lombardia invece di distinguersi dalle altre, per aver attivato un processo di tamponi a tappeto e a cadenza regolare al personale sanitario, perché  costantemente  a contatto con il virus, assume decisioni davvero incomprensibili come questa, dimostrando incoerenza e scarsa diligenza rispetto alle necessità di contenere i contagi. Salvo poi con la massima ipocrisia definire “eroi” donne  e uomini che oramai da mesi combattono non solo contro il virus, ma sopratutto contro  delle scelte e delle proposte  inaccettabili.

Domenico Cauteruccio

Coordinatore aziendale Nursing Up

Cristiana Toscano

Leave a Comment
Share
Published by
Cristiana Toscano

Recent Posts

Un abbraccio, un simbolo

Un'immagine diventata virale: un abbraccio, un simbolo della tragedia e della profonda compassione di tutti…

3 ore ago

Manovra, Nursind: “Non si annacqui l’indennitĂ  specifica degli infermieri”

Roma, 1 dicembre - “Quella dell’indennitĂ  specifica infermieristica è una battaglia che portiamo avanti da…

4 ore ago

Al via i test di Cira-3, il robot infermiere per curare i malati di Covid-19

La grave carenza di personale infermieristico potrebbe giungere al termine grazie all’impiego della tecnologia. La…

4 ore ago

Corso Fad Ecm “Nuove terapie e gestione del paziente diabetico di tipo 2” medici e infermieri

Corso Fad Ecm per tutte le professioni sanitarie, medici e infermieri. Attivo dal 04-09-2020 al…

5 ore ago

Tocilizumab riduce risposta infiammatoria sistemica e lesione cardiaca

Tocilizumab riduce la risposta infiammatoria sistemica e la lesione cardiaca in pazienti in coma rianimati…

7 ore ago

Opi di Puglia: “Sugli obblighi vaccinali per gli operartori sanitari la nostra posizione non cambia”

“Sugli obblighi vaccinali per gli operartori sanitari la nostra posizione non cambia”.  Parlano i presidenti…

8 ore ago