Infermieri in fuga dal Friuli, Opi Udine: “Mancanza di stimoli”

Il presidente dell'Ordine, Stefano Giglio, denuncia la situazione e auspica un'inversione di tendenza. “Almeno il 20% degli infermieri che formiamo qui se ne vuole andare…

Il presidente dell’Ordine, Stefano Giglio, denuncia la situazione e auspica un’inversione di tendenza.

“Almeno il 20% degli infermieri che formiamo qui se ne vuole andare per mancanza di stimoli”. Così Stefano Giglio, presidente di Opi Udine, in un’intervista rilasciata al Gazzettino. Argomento: la fuga degli infermieri dal Friuli Venezia Giulia.

I motivi? Innanzituttio il ricorso alle agenzie interinali per le assunzioni: quando un infermiere in quella condizione contrattuale si vede aprire una qualche porta in concorsi che prevedano inquadramenti migliori, saluta tutti e se ne va. In tale contesto si inserisce il discorso inerente un “concorsone” dalle cui graduatorie l’Azienda sanitaria universitaria Friuli Centrale sta attingendo, che non prevede numeri ancora significativi (circa 180 posti).

E poi una paventata, futura difficoltà nell’individuare chi dovrà ricoprire il ruolo di infermiere di famiglia/comunità, nuova figura di raccordo tra cittadino e sistema sanitario. Soprattutto considerando, come sottolineato da Giglio nell’intervista, che i professionisti appositamente formati devono poter esibire un’esperienza di almeno due anni in ambito distrettuale/territoriale, domiciliare o esperienza di percorsi clinico-assistenziali (Pdta), di integrazione ospedale-territorio, di presa in carico di soggetti fragili.

La priorità, secondo il presidente di Opi Udine, è trattenere in loco gli infermieri, una volta formati: “E’ un tema che dobbiamo affrontare, per cui serve aprire subito un tavolo con la Regione al fine di migliorare l’attrattività delle nostre aziende”. Le soluzioni proposte dall’Ordine sono molteplici e vanno dalla mensa gratuita agli alloggi agevolati. Soluzioni peraltro già adottate in altre zone d’Italia.

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Caserta, prefetto e ASL intervengono sulle elezioni dell’OPI

Dopo gli appelli di CISL FP, UIL FPL E NURSING UP, la ASL di Caserta…

5 ore ago

Casa di riposo in crisi: non ci sono infermieri

Le case di riposo sono in crisi, non ce la fanno a contenere il diffondersi…

5 ore ago

Servirebbero 23.268 Infermieri e non ci sono

Riceviamo e pubblichiamo la lettera alle redazione riguardante la situazione pandemica e le decisioni governative…

6 ore ago

Nursing Up: lunedì 2 novembre sciopero nazionale infermieri

Chiediamo RISPETTO: scioperiamo oggi per una sanità migliore da domani Lunedì 2 novembre a partire…

9 ore ago

FIALS, indicazioni in tema di obblighi vaccinali per gli operatori sanitari

Pubblichiamo la nota FIALS Puglia in riferimento alle ultime “Indicazioni in tema di obblighi vaccinali…

24 ore ago

SIMG su Covid19 – Medici di famiglia al servizio del Paese.

Cricelli: “Prevale forte il nostro senso del dovere, ma nessun medico di medicina generale sia…

24 ore ago