Le apnee ostruttive del sonno causano 12.300 incidenti l’anno

La lotta alla sindrome delle apnee ostruttive del sonno (OSAS) è al centro della campagna “Dormi meglio, guida sveglio” promossa dall’ACI e dalla Fisar

Sono la causa di circa 12.300 incidenti stradali e 250 morti ogni anno. Parliamo della sindrome delle apnee ostruttive del sonno (OSAS), una patologia per cui sono a rischio 12 milioni di italiani. Il problema vero è che l’80% di loro… Non lo sa.

L’OSAS, le cui cause sono diverse, causa brevi e frequenti interruzioni della respirazione mentre si dorme, con conseguenti risvegli notturni e sonno frammentato. Ciò, inevitabilmente, da luogo a una estrema stanchezza e a ripetuti colpi di sonno durante la giornata, un problema che diventa assai pericoloso per chi si mette alla guida.

Ma non solo: l’OSAS è uno dei maggiori fattori di rischio per malattie cardio e cerebrovascolari, che quadruplica la probabilità di ictus e raddoppia quella di ipertensione, diabete, aritmie”

come ha ricordato all’ANSA Claudio Sanguinetti, presidente Fisar.

Essere consapevoli di essere affetti da questa insidiosa malattia, troppo spesso sottovalutata, è perciò potenzialmente in grado di salvare la vita propria e quella altrui. Per questo motivo è nata la campagna “Dormi meglio, guida sveglio, promossa dall’Automobile Club d’Italia (ACI) e della Fondazione Italiana Salute Ambiente e Respiro (Fisar) e presentata oggi a Roma.

Obiettivo del progetto è far sì che il rilascio-rinnovo della patente, che riguarda ogni anno 5 milioni di italiani, diventi un’occasione per un “check-up del sonno”, come prevede anche un decreto ministeriale in vigore dal 2016. I cittadini, infatti, nelle delegazioni ACI, saranno invitati a compilare un questionario per valutare il rischio di OSAS e, in caso positivo, saranno invitati a prenotare un esame diagnostico, ovvero una polisonnografia.

Alessio Biondino

 

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Torino, trapianto di fegato salva la vita a bimba di tre anni: la donatrice (vivente) è la mamma

La piccola, affetta da una rara malattia congenita del fegato, è stata operata all’ospedale Molinette…

2 ore ago

Coronavirus, ecco il farmaco che lo “intrappola” nelle cellule infettate

Si chiama Indolo-3 Carbinolo (I3C) ed è un composto naturale che potrebbe essere utilizzabile come antivirale…

4 ore ago

Tumori, metanalisi dimostra efficacia della combinazione nivolumab-ipilimumab

Il lavoro ha esaminato sette studi condotti fra il 2010 e il 2020 su più…

5 ore ago

Concorso infermieri Estar Toscana: convocazioni per le prove scritta e pratica

La selezion porterà all’assunzione immediata di un infermiere all’Aou Careggi, ma anche alla formazione di 11…

6 ore ago